Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Peres avverte: l'ora X della guerra all'Iran si avvicina

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
sankara

avatar

Numero di messaggi : 416
Data d'iscrizione : 14.04.07

MessaggioTitolo: Peres avverte: l'ora X della guerra all'Iran si avvicina   Sab Nov 05 2011, 16:26

Peres avverte: l'ora X della guerra all'Iran si avvicina

L'ora dell'opzione militare contro l'Iran da parte di Israele e di altri Paesi si avvicina. Questo ha dichiarato ieri sera Shimon Peres, capo dello stato ebraico, alla televisione commerciale israeliana Canale 2. Peres si è appellato al mondo intero facendo passare il programma nucleare, che Teheran rivendica per uso civile, come una minaccia planetaria. Nei giorni scorsi il quotidiano "Yediot Ahronot" ha scritto che il premier Benyamin Netanyahu e il ministro della difesa Ehud Barak «danno l'impressione» di aver già optato per una operazione militare nei confronti dell'Iran. Non tutti nello stato ebraico sono concordi su questa che sarebbe l'ennesima aggressione di Israele con copertura USA. L'ex capo del Mossad, Meir Dagan, l'ha definito un passo «stupido» tanto più se Israele si trovasse da solo ad attaccare l'Iran. Secondo un altro ex capo del Mossad, Efraim Halevi, colpendo l'Iran Israele innescherebbe un conflitto di 100 anni.

Con una Libia ancora non normalizzata, Washington sta puntando ad aprire un nuovo scenario di guerra in Siria. Il terreno è stato già ampiamente preparato. Israele vorrebbe essere della partita per approfittare della situazione e liquidare o quantomeno ridurre l'Iran –così ritiene– all'età della pietra e riprendere saldamente il controllo politico/militare nella regione. Non è affatto detto che le cose vadano come vagheggiano gli strateghi da risiko a Tel Aviv. Il loro delirio di onnipotenza si è infranto negli anni scorsi in Libano e a Gaza. Attaccando Teheran potrebbero davvero aprire il vaso di Pandora di un caos allo stato difficilmente immaginabile nelle sue ripercussioni a catena. E non solo nella regione.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Dopo la Libia, l'Iran? I segnali di un'Apocalisse   Dom Nov 06 2011, 19:14

Dopo la Libia, l'Iran? I segnali di un'Apocalisse

Il britannico "Guardian" conferma: un vasto piano d'attacco all'Iran, preparato dal Pentagono, è già pronto. Londra ha garantito ad Obama sottomarini, Tomahawk e, se necessario, forze speciali sul terreno. Così scrive ieri, citando fonti militari britanniche.
In Israele intanto si sta preparando l'opinione pubblica alla guerra d'aggressione. L'ennesima. Venerdì scorso Nahum Barnea, una fama di giornalista tra i più informati tra quelli israeliani, taluno sostiene per la contiguità con i servizi, ha scritto di sapere per certo che Netanyahu (primo ministro) e Barak (ministro della difesa) hanno già deciso, in segreto, l'attacco ai siti nucleari iraniani. Lo stesso giorno Shimon Peres, capo dello stato ebraico, confermava ( http://indipendenza.lightbb.com/t902-peres-avverte-l-ora-x-della-guerra-all-iran-si-avvicina ).
I tempi? Prima dell' inverno o in primavera. Lo stesso Barak, che inizialmente aveva smentito la notizia, mostrando irritazione (se studiata o effettiva non è possibile accertarlo) ha dichiarato: «Non vogliamo nascondere le nostre intenzioni. Ma certe cose non possono essere discusse sotto i riflettori». E lo stesso, oggi, ha ripetuto (come del resto Netanyahu alla Knesset, lunedì scorso) che un Iran nucleare rappresenterebbe «una grossa minaccia per il mondo» e che Israele, che «è il paese più forte per le mille miglia attorno a Gerusalemme», non intende stare a guardare.

Le sue parole si sono temporalmente accompagnate ad alcuni atti militari, ultimi in ordine di tempo, di un certo peso.
Ieri è stato effettuato il test di un nuovo missile a lungo raggio. Lanciato dalla base di Palmahim, vicino a Tel Aviv, ha prodotto nel cielo una tale scia bianca da spaventare molti israeliani che hanno chiamato allarmati le autorità del posto intasando le linee telefoniche.
Un altro atto, che evoca peraltro il più che probabile intervento della NATO e quindi anche dell'Italia, è stato la simulazione di un attacco a distanza nei cieli sardi, nella base NATO di Decimomannu. Da giorni si susseguono esercitazioni tra sei squadroni con la stella di David e gli Eurofighters italiani, i Tornado tedeschi, gli F-16 olandesi.

Israele resta diviso tra chi, come tra chi sta al governo, è per la guerra presto, subito, e chi sostiene che, nell'arco di due anni, il sistema politico iraniano possa essere imploso accendendo anche lì una rivolta. Posizione, quest'ultima, che la dice lunga sugli eventi di Libia e di Siria.
Sarà necessario prestare attenzione ai fatti e ai segnali che verranno già nei prossimi giorni. Ad esempio quanto sul nucleare iraniano dirà martedì prossimo l'AIEA (Agenzia Internazionale sull'Energia Atomica). Le pressioni di Washington sono note da tempo e diversi osservatori non escludono che si stiano di molto intensificando in queste ore. Non sfugge l'importanza mediatica di utilizzare il pronunciamento dell'Agenzia, ragion per cui si sta spingendo per tarare in un modo, piuttosto che in un altro, le parole del rapporto.
Dopodiché? Certo, nell'ottica imperiale, anche il riportare, tramite guerre, i paesi all'età delle pietre concorre ad un loro ridimensionamento del peso politico ed apre pure all'acquisizione di posizionamenti geopolitici, di risorse e di spazi commerciali sotto il proprio controllo. Ma è di una evidenza sconcertante che attaccare l'Iran non è come attaccare l'Iraq o la Libia, paesi tutt'altro che 'normalizzati', peraltro. Colpire Teheran significa aspettarsi una risposta non solo da questo paese, ma anche da un pluriverso di forze (Hezbollah, siriani, Hamas,...) consapevoli che, in caso di liquidazione dell'Iran, la loro posizione sarà oggettivamente più debole, perché senza freni sarà a quel punto la tracotanza dell'imperialismo regionale israeliano. Tanto più che contro si avrebbero potenze del calibro degli USA/NATO e di Israele. Quindi, tanto vale combattere adesso.

Washington non sta facendo mancare il suo sostegno ad Israele. Nemmeno una settimana fa, per aver l'Unesco, organismo ONU che si occupa di educazione, scienza e cultura, riconosciuto a maggioranza la Palestina (107 contro 14, e 52 astenuti, tra cui l'Italia) come Stato membro a tutti gli effetti, Washington ha decretato il taglio dei finanziamenti, in ossequio a due leggi approvate negli anni '90 negli States, che vietano il finanziamento di qualsiasi organizzazione ONU che accetti la Palestina come membro a pieno titolo. A novembre era prevista l'assegnazione di 60 milioni di dollari che il dipartimento di Stato ha informato essere per questo saltata. Significativo ricordare che gli USA sono rientrati nell'Unesco solo nel 2003, dopo anni di boicottaggio, dovuti, così aveva dichiarato Washington, alla «crescente disparità tra la politica estera USA e gli obiettivi dell'Unesco». Pur in ultra arretrato con il pagamento delle quote, la presenza USA all'Unesco è stata rilanciata da Obama che considera quella parigina un'organizzazione di interesse strategico per la politica estera USA, in quanto utile strumento multilaterale per propagare i valori occidentali.
Pur tuttavia colpisce un fatto, che il Premio Nobel per la Pace, Barack Obama, sotto elezioni e con una tutt'altro che risolta crisi, generata in questo paese ed esportata particolarmente nei paesi alleati/subalterni, non mostra remore ed anzi sta fomentando per trascinare gli Stati Uniti nella quarta guerra da un decennio a questa parte.
Ma quale sarà effettivamente la linea che prevarrà al Pentagono –attaccare prima la Siria, qualche altro paese o l'Iran– lo si potrà meglio capire già nei prossimi giorni. Da Tel Aviv l'indicazione che viene è chiara. Per l'Italia sarà l'ennesima chiamata alle armi. Garante Napolitano, forse già con un governo post-berlusconiano.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Peres avverte: l'ora X della guerra all'Iran si avvicina
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» Armonia della Perfezione
» non so trovare un titolo a questo capitolo della mia vita

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica internazionale-
Andare verso: