Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Grecia, Italia... Che fare?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 432
Data d'iscrizione : 21.03.07

MessaggioTitolo: Grecia, Italia... Che fare?   Ven Lug 15 2011, 16:08

Grecia, Italia... Che fare?

Intendono polverizzare la sovranità politica e le condizioni sociali di vita della Grecia, in vista di uno status da protettorato. Fitch, agenzia nordamericana di rating, ha in queste ore tagliato di ben quattro «gradini», portandolo da B+ a CCC la valutazione sul grado di solvibilità debitoria della Grecia. Una valutazione («rating») che porta il paese sull'orlo della bancarotta («default») e che arriva dopo due settimane dal varo, il 29 giugno, di un durissimo «piano di austerità» imposto ad Atene dalla "trojka" FMI-BCE-Commissione Europea, inclusivo del mastodontico programma di privatizzazioni di beni e servizi che, da solo, dovrebbe fruttare (alla speculazione transnazionale) 50 miliardi di euro. La Grecia è ora considerata da Fitch "junk", spazzatura. «Il declassamento», dice in una nota, «riflette la mancanza di un nuovo programma di sostegno da parte dell'Unione Europea e del FMI che sia credibile e pienamente finanziato». Il Fondo Monetario Internazionale (FMI), in contemporanea praticamente con il declassamento di Fitch, ha comunicato alla Grecia che le servono 71 miliardi di euro in più, e l'Unione Europea ha subito chiesto ad Atene uno sforzo sui conti maggiore, dopo il rastrellamento deciso solo due settimane fa di 78 miliardi (tra aumento delle tasse, tagli alla spesa e privatizzazioni) che hanno portato il paese alla rivolta e a scontri, ma non ancora all'insurrezione sociale generalizzata. Ora, tutto questo per sbloccare la quinta rata del prestito da 110 miliardi concesso l'anno scorso dall'Unione Europea. La speculazione finanziaria e politica atlantica mostra, quindi, di non avere alcuna intenzione di volersi fermare. Chi gli si oppone, ne prenda atto e conseguenze.

A questo punto, per chi si sta spendendo da mesi lottando per le strade, l'alternativa alla riduzione di un paese all'età della pietra, a condizioni da enclave schiavizzata, sta finalmente (perché anche in Grecia, come in Italia ad es., c'è un ritardo di decenni in tal senso) nell'avvio immediato di una lotta che assuma esplicitamente l'obiettivo intermedio intanto della riconquista dell'indipendenza e della sovranità nazionale. Che passa per la costituzione di un governo che consideri nulle tutte le misure di tagli e privatizzazioni già assunte, rifiuti il pagamento del debito, esca dall'euro e reintroduca la moneta nazionale, la dracma, porti il paese fuori dall'Unione Europea, dalla NATO e da tutti gli altri organismi atlantici, allacci relazioni forti (diplomatiche, commerciali, ecc.) con tutti quei paesi (ad es. Venezuela, Iran, ecc.) che, in maniera più o meno spinta, si pongono criticamente rispetto all'ordine sovranazionale dominante.

Ieri, in Italia, è arrivato il varo della manovra finanziaria "europea", che alla fine è lievitata alla cifra colossale di 70 miliardi dopo gli attacchi non casuali della "solita" speculazione finanziaria di questi giorni. I numeri sono numeri 'greci' ed il contenuto dei provvedimenti è analogo. Con l'aggiunta che il debito estero (perché in gran parte di questo si tratta) italiano è enormemente superiore a quello greco. La direzione è chiara, insomma, e non ci vuole la palla di vetro per capire che prospettiva ci attende.
Questa manovra è passata con una sostanziale e trasversale unanimità politica ed istituzionale. A titolo di cronaca, e come pro memoria: le destre fanno il loro lavoro, come sempre chiaramente, al di là dei loro distinguo. E' da stigmatizzare (non è per noi motivo di stupore, ma sempre pro memoria) l'impareggiabile atteggiamento del centrosinistra che, con acrobazie verbali, ha espresso tutta la sua contrarietà a questa «macelleria sociale» (Finocchiaro docet!) per poi «responsabilmente» (semper Finocchiaro docet!) non opporsi. E' da stigmatizzare l'esposizione in prima persona dello stesso Napolitano, che dopo aver giudicato il bombardamento italiano in Libia come un «naturale sviluppo del nostro impegno», anche sul piano finanziario si è fatto latore deciso delle direttive euroatlantiche, nella fattispecie dell'asse BCE (Banca Centrale Europea) - FMI (Fondo Monetario Internazionale).
Domanda: è il caso di aspettare che si arrivi ad analoghe condizioni greche? O piuttosto attivarsi. Focalizzare la portata della posta in gioco. Rimasticare concetti perduti (sovranità, indipendenza, liberazione nazionale). Riconquistare una cultura, una mentalità, una consapevolezza del loro contenuto politico e sociale. Interrogarsi collettivamente sugli atti di conseguente intervento politico da assumere. Declinarli sul piano del terreno di lotta scelto, ma avere di vista il comune obiettivo che sta nei suddetti concetti.
Come naturale reazione a questo neofascismo moderno, policentrico sul piano capitalistico, monocentrico (ancora, in questa fase) su quello imperialistico, le proteste e le ribellioni sociali verranno, da sole, inevitabilmente. Rischiano però di essere delle estemporaneità, anche violente e prolungate, ma estemporaneità senza sbocco.
E' negli interessi largamente maggioritari (anche) di questo popolo arrivare ad un ben diverso assetto e a ben diversi rapporti di società rispetto a quelli su cui ci hanno instradato da diversi decenni. Poco a poco finiremo come in Grecia. Lì come qui, come altrove, o si assume come preliminare e decisiva la posta in gioco di una piena sovranità ed indipendenza nazionale e ci si muove di conseguenza, o ci faranno a pezzi.

Indipendenza
15 luglio 2011

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://indipendenza.lightbb.com
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: rimuovere Silvio Berlusconi   Ven Lug 15 2011, 20:12

dal Finacial Times
Come dicevo in altre occasioni, bisogna nominare governanti onesti e capaci.
Agli Stati Uniti non gliene frega niente, ora che non c'e' piu' l'URSS, se al governo dell'Italia ci fossero uomini delle Brigate Rosse o Maoisti, ma a noi interessera' che anche loro siano onesti e capaci.
Temo che gli ex PCI non siano piu' credibili.
Dio ci salvi da Massimo D'Alema, che dio lo fulmini.
2000snlp

''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''
http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2011/07/15/visualizza_new.html_785898674.html
ROMA - "Per convincere i mercati che l'Italia è credibile c'é bisogno di più che di un pacchetto di austerità. Roma deve mandare un chiaro messaggio di intenti. Idealmente, questo potrebbe essere la rimozione di Silvio Berlusconi, primo ministro, e la sostituzione del suo esecutivo con un governo di tecnocrati". E' quanto scrive oggi il Financial Times in una editoriale, non firmato, contenuto nella rubrica "Senza paura e senza favori" della pagina dei commenti che curiosamente ha lo stesso titolo di una settimana fa: "Preservare la credibilità di bilancio dell'Italia".

"In un mondo ideale - spiega il Financial Times - un primo ministro dai comportamenti imprevedibili come Berlusconi andrebbe a casa", sottolineando "che il tentativo del Premier di inserire nella manovra la cosiddetta norma salva-Fininvest, mettendo a repentaglio la credibilità di bilancio del Paese pur di proteggere il proprio patrimonio, è stata una cosa ignobile, inqualificabile". Nell'editoriale il quotidiano scrive che "da quando è iniziata la crisi dei debiti sovrani in Europa, l'incubo più ricorrente tra i leader Ue è che il contagio possa avvolgere anche l'Italia. Nelle ultime settimane la possibilità che ciò avvenga è aumentata drammaticamente. Quindi che se Roma vuole salvarsi deve agire con decisione e tempestività". Negli ultimi giorni i costi per finanziarsi sono lievitati notevolmente, prosegue il quotidiano, l'Italia potrà sopportare tali costi solo per un breve periodo di tempo. Infatti, qualsiasi dubbio sulla sostenibilità del debito italiano potrebbe pesare sulla raccolta dei finanziamenti da parte delle banche italiane. Una eventualità del genere potrebbe materializzarsi prima di quanto si pensi, scrive l'Ft, e come dimostra l'esempio dell'Irlanda, una volta persa la fiducia dei mercati, diventa quasi impossibile per un Paese riguadagnarsela. Per evitare tutto questo "urgono misure drastiche, audaci" e che vanno oltre l'austerità.

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
gorritxo

avatar

Numero di messaggi : 148
Data d'iscrizione : 15.10.09

MessaggioTitolo: Re: Grecia, Italia... Che fare?   Ven Lug 15 2011, 20:48

tadiottof ha scritto:

Come dicevo in altre occasioni, bisogna nominare governanti onesti e capaci.
Agli Stati Uniti non gliene frega niente, ora che non c'e' piu' l'URSS, se al governo dell'Italia ci fossero uomini delle Brigate Rosse o Maoisti, ma a noi interessera' che anche loro siano onesti e capaci.
Come barzelletta ci può stare, peccato che racconti sempre la stessa e ormai non fa neanche più ridere
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Hoffa

avatar

Numero di messaggi : 181
Età : 44
Localisation : Italia
Data d'iscrizione : 01.10.10

MessaggioTitolo: Re: Grecia, Italia... Che fare?   Mer Lug 20 2011, 15:50

Dicono tutti la stessa cosa ma poi all'atto pratico Berlusconi resta dove sta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.patriasocialista.it/
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Grecia, Italia... Che fare?   

Tornare in alto Andare in basso
 
Grecia, Italia... Che fare?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» OVODONAZIONE: AIUTO, DOVE E COME?
» Crete fertility centre (Grecia)
» PICK UP IN ITALIA E TRANSFER IN GRECIA???????????????
» Per tutte le mamme in attesa: video su come fare il bagnetto, cambiare il pannolino...
» sono andata a fare shopping

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: