Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 The Napolitein's boys

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: The Napolitein's boys   Gio Lug 07 2011, 21:57

The Napolitein's boys

«Toghether out or toghether in». E' chiarissimo il messaggio dell'atlantista George Napolitein (si scrive convenzionalmente "presidente", ma si legge "governator of Italy, banana-republic of United States of America") seccato per la riduzione di uomini e fondi della partecipazione italiana alle cosiddette «missioni» (si legge: "mattanze") richieste dagli obblighi di servitù ONU-NATO-USA.
Nel taglia-taglia previsto dalla manovra economica richiesta dall'Europa, le contraddizioni interne con la Lega (per ragioni di visibilità, con elezioni prevedibilmente non lontane) portano al taglio del 30% alle spese per il rifinanziamento delle "missioni" (cfr. sopra) militari italiane all'estero, con il ritiro di più di duemila militari italiani e la copertura di spesa, fino a settembre, per la guerra d'aggressione alla Libia.
Ma è sempre "the american man of Quirinal" a precisare: «ipotesi che diventeranno decisioni effettive quando si sarà raggiunto il concerto con l'ONU e le organizzazioni internazionali (cioè chi conta: la NATO, ossia la Casa Bianca)».

Insomma, impicci e imbrogli salteranno fuori, dettati da pressioni estere, per rivedere questa decisione. Intanto c'è quasi da ringraziare l'opportunismo elettorale della Lega. Contro le guerre imperialiste ormai non si manifesta più neanche pro forma. E d'altra parte pure questa posizione, quantunque provvisoria, dell'amministrazione-Berlusconi rende sempre più inaffidabile questo centrodestra agli occhi dei poteri forti che contano e che regolano effettivamente la vita di questa nazione.
E il centrosinistra al governo ha già fatto vedere come si fa in questi casi delicati. Al tempo del rifinanziamento delle missioni all'estero, sotto l'amministrazione Prodi, si doveva votare "sì". Senza "se" e senza "ma", altrimenti fuori dal governo. E al tempo PRC e PdCI, servilmente, espulsero i due che si erano opposti in parlamento (rispettivamente Turigliatto e Rossi).
Insomma, tra servi pasticcioni e servi zelanti chi mai potranno vedere di buon occhio alla Casa Bianca? The Napolitein's boys, of course.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
The Napolitein's boys
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: