Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Torino, 24 novembre. Resistenza: una linea spezzata

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Torino, 24 novembre. Resistenza: una linea spezzata   Mer Nov 17 2010, 00:29

Divulgate! Partecipate!

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Re: Torino, 24 novembre. Resistenza: una linea spezzata   Mer Nov 17 2010, 02:03

Un ricordo di Dante Di Nanni, cui renderemo omaggio a Torino.

Dante Di Nanni interpretata dai Gang (con informazioni su questa figura patriottica resistente)
http://www.youtube.com/watch?v=My8TXeI1Dl0

Per chi preferisce l'originaria versione degli Stormy Six (1975)
http://www.youtube.com/watch?v=XXnEMfoXaCU


Il 17 maggio 1944, insieme ai compagni Pesce, Bravin e Valentino, effettuò un attacco ad una stazione radio sulla Stura, che disturbava le comunicazioni di Radio Londra; prima di farla saltare, il commando gappista, disarmò e graziò i nove militi che la presidiavano con la promessa che non avrebbero dato l'allarme. I gappisti tuttavia vengono traditi e sono sorpresi da un intero reparto nemico. Nello scontro vengono tutti feriti, Bravin e Valentino verranno catturati ed in seguito impiccati, il 22 luglio a Torino insieme a Vian, nel frattempo anch'esso catturato. Tuttavia Pesce riuscì a portare in salvo Di Nanni, ferito gravemente da sette proiettili al ventre, alla testa e alle gambe, portandolo prima in una cascina e poi nella base di via San Bernardino 14 a Torino. Qui verrà visitato da un medico antifascista che ne consiglierà l'immediato ricovero in ospedale. Pesce, allontanatosi per organizzare il trasporto, al suo ritorno vide la casa circondata dai fascisti e dai tedeschi, avvertiti da una spia.

«Ora tirano dalla strada, dal campanile e dalle case più lontane. Gli sono addosso, non gli lasciano scampo. Di Nanni toglie di tasca l'ultima cartuccia, la innesta nel caricatore e arma il carrello. Il modo migliore di finirla sarebbe di appoggiare la canna del mitra sotto il mento, tirando il grilletto poi con il pollice. Forse a Di Nanni sembra una cosa ridicola; da ufficiale di carriera. E mentre attorno continuano a sparare, si rovescia di nuovo sul ventre, punta il mitra al campanile e attende, al riparo dei colpi. Quando viene il momento mira con cura, come fosse a una gara di tiro. L'ultimo fascista cade fulminato col colpo. Adesso non c'è più niente da fare: allora Di Nanni afferra le sbarre della ringhiera e con uno sforzo disperato si leva in piedi aspettando la raffica. Gli spari invece cessano sul tetto, nella strada, dalle finestre delle case, si vedono apparire uno alla volta fascisti e tedeschi. Guardano il gappista che li aveva decimati e messi in fuga. Incerti e sconcertati, guardano il ragazzo coperto di sangue che li ha battuti. E non sparano. È in quell'attimo che Di Nanni si appoggia in avanti, premendo il ventre alla ringhiera e saluta col pugno alzato. Poi si getta di schianto con le braccia aperte nella strada stretta, piena di silenzio».
(Giovanni Pesce, Senza tregua - La guerra dei GAP, pag.144-145, Feltrinelli, 1967, ristampa 2005)

Nonostante le ferite subite, Di Nanni si asserragliò nell'appartamento ed ingaggiò un lungo scontro a fuoco con le truppe nazifasciste, supportate pure da un'autoblindo e da un carro armato. Dopo essere riuscito ad eliminare numerosi soldati nemici, riuscì anche a mettere fuori uso i due veicoli corazzati lanciando cariche di tritolo e bombe a mano dal suo balcone. L'assedio durò quasi tre ore ed una volta terminate le munizioni, pur di non consegnarsi vivo, si trascinò verso la ringhiera del balcone e, dopo aver salutato la folla col pugno chiuso e col grido "Viva l'Italia", si gettò nel vuoto.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
iskra

avatar

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 22.08.09

MessaggioTitolo: Re: Torino, 24 novembre. Resistenza: una linea spezzata   Gio Nov 18 2010, 00:42

alekos18 ha scritto:
Divulgate! Partecipate!


Vedo con piacere che Indipendenza si fa strada anche tra i giovani di Rifondazione e dei Comunisti italiani. Ottima questa continuità con la lotta partigiana. Auguro che non ci si fermi a Torino. State facendo un lavoro bellissimo, compagni. Ho letto anche delle iniziative che terrete a Roma in questi giorni. Tutte interessantissime. Avete preso l'abitudine di procedere ad ondate, eh? Bene, bene...
Se le vostre idee divenissero patrimonio della sinistra, in Italia le cose andrebbero molto diversamente. Portate aria fresca e idee originali; affascineranno e avranno un seguito...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Torino, 24 novembre. Resistenza: una linea spezzata   

Tornare in alto Andare in basso
 
Torino, 24 novembre. Resistenza: una linea spezzata
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Linea nigra.....
» Ospedale Sant'Anna di Torino
» dottoressa daniela guidetti di torino
» Di ritorno dal colloquio alla Livet torino
» Doldi Nicola e/o Prof Menaldo Torino

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Bacheca (iniziative e comunicati interni)-
Andare verso: