Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Roma, 23 maggio. Presentazione libro

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
sankara

avatar

Numero di messaggi : 416
Data d'iscrizione : 14.04.07

MessaggioTitolo: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   Ven Mag 14 2010, 01:14

Presentazione del libro
"Civiltà occidentale - un'apologia contro la barbarie che viene"
di Marino Badiale e Massimo Bontempelli

Roma, 23 maggio - ore 20,30
circolo 8 marzo
via Pullino, 1
(fermata Metro B Garbatella)


Quella di "civiltà occidentale" è una nozione attorno alla quale si sono recentemente accesi dibattiti di grande rilevanza politica e culturale.

Si argomenta il carattere ideologico della nozione di "Occidente", una civiltà supposta unitaria, nata con la Grecia classica, sviluppatasi poi con gli apporti di Roma e del Cristianesimo e arrivata a compimento con la Modernità. Una tale civiltà unitaria non esiste. Nello spazio geopolitico del cosiddetto "Occidente" si sono succedute civiltà diversissime fra loro, dalla Grecia classica all'Europa di Carlo Magno, alla civiltà liberale nata in seguito all'Illuminismo e alla Rivoluzione Francese.

Di "civiltà occidentale" si può parlare solo per indicare una fra le varie civiltà succedutesi nello spazio geopolitico dell'Occidente. Nel libro si sceglie quella nata alla fine del '700, della quale vengono studiati i pilastri fondamentali: diritti umani, libertà individuale, Stato-nazione, razionalità dialogica, nozione di progresso. Questa civiltà è oggi investita da un processo di dissoluzione, una crisi determinata non dall'azione di forze esterne e ostili alla civiltà occidentale, ma dallo sviluppo di potenzialità connaturate ai fondamenti stessi della civiltà occidentale, dal "libero" dispiegarsi dell'economia capitalistica.

Combattere la barbarie dell'Occidente
per salvare i valori della civiltà occidentale


promuovono:
associazione culturale arcobaleno
e rivista "Indipendenza"
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sankara

avatar

Numero di messaggi : 416
Data d'iscrizione : 14.04.07

MessaggioTitolo: Re: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   Ven Mag 14 2010, 15:10

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
iskra

avatar

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 22.08.09

MessaggioTitolo: Re: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   Mer Mag 19 2010, 10:46

Dalla presentazione letta sopra mi sembra molto importante e interessante la vostra iniziativa. Non è affatto frequente interrogarsi criticamente, nelle modalità sopra indicate, su questa nozione di "Occidente" che continua ad essere la foglia di fico ideologica, una Grande Narrazione che copre imperialismi e colonialismi militari, economici, culturali.
Ed è molto importante che si individuino all'interno dell'orizzonte geografico che si vorrebbe "Occidente" valori, istituzioni, indirizzi, culture, civiltà, che nulla hanno a che spartire con detta ideologia e chi l'incarna.
Ho cercato questo libro trovando difficoltà. Dai librai mi sono stati posti problemi di distribuzione. Ho telefonato alla casa editrice e lo sto aspettando.
Mi spiace essere lontano da Roma e non poter partecipare. Resta, si rafforza, tutta la mia stima per il vostro lavoro...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Rodolfo Loffredo



Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 31.08.07

MessaggioTitolo: Re: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   Sab Mag 22 2010, 08:14

Grazie dell'invito. Ma non mi piace Bontempelli. Ve lo spiegai tempo addietro - credo di averne parlato anche a voce con Francesco. Come non mi piacquero i vostri proff nei cui confronti siete proni (è lo stesso atteggiamento di ossequio che ha Gad Lerner con i proff). Infatti sulle obiezioni che vi feci su un prof non mi avete mai dato uno straccio di risposta dignitosa. Da allora, a grado a grado, non ho più sfogliato la rivista. /// A parte. Ho orrore di facebook. Sì, lo so, lo so, che chi vuole stare sul mercato deve mettersi su Face-orrore, e voi ci siete da tempo. Sì, ho detto "stare sul mercato": è quello che intendo. Mi dispiace, rodolfo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1019
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Re: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   Sab Mag 22 2010, 17:23

Rodolfo Loffredo ha scritto:
Grazie dell'invito. Ma non mi piace Bontempelli. Ve lo spiegai tempo addietro - credo di averne parlato anche a voce con Francesco. Come non mi piacquero i vostri proff nei cui confronti siete proni (è lo stesso atteggiamento di ossequio che ha Gad Lerner con i proff). Infatti sulle obiezioni che vi feci su un prof non mi avete mai dato uno straccio di risposta dignitosa. Da allora, a grado a grado, non ho più sfogliato la rivista. /// A parte. Ho orrore di facebook. Sì, lo so, lo so, che chi vuole stare sul mercato deve mettersi su Face-orrore, e voi ci siete da tempo. Sì, ho detto "stare sul mercato": è quello che intendo. Mi dispiace, rodolfo
Non presentiamo "Civiltà occidentale" per compiacere gli autori. Non è nella nostra storia -e nel nostro presente- agire, sviluppare la nostra attività politica e culturale per compiacere chicchessia. Politicamente sarebbe disdicevole (trattasi di eufemismo...). Dopo di che, piuttosto che "compiacere" c'è sicuramente un "piacere" politico ed etico 'a monte' e alla base del nostro agire. Ma questo è un altro piano...

Il libro lo presentiamo perché contiene buoni spunti per una serie di discorsi necessariamente da sviluppare, a partire dall'assunto posto dagli autori: distinguo tra nozione di "Occidente" giudicata inesistente e "civiltà occidentale" che viene circoscritta nel tempo e nello spazio, caratterizzata per aspetti specifici (gli autori parlano di "pilastri") e differenziata al suo interno da luci ed ombre. Su questi "pilastri" c'è appunto da discutere, ma la direzione è secondo noi molto interessante per la serie di conseguenze culturali e politiche 'a raggiera' che comporta.
Non c'è in ciò alcun intendimento di essere "proni" a dei "proff". E' un piano, questo, già solo linguistico, abissalmente lontano dal nostro modo di sentire e relazionarci. Peraltro, se conoscessi il pensiero degli "intellettuali" con cui da lunga data o di recente ci relazioniamo, ti accorgeresti che questo 'relazionamento' è stato e continua ad essere anche dialetticamente conflittuale su punti importanti, come emerso anche più volte 'su carta'. Tu fai intendere qualcosa (questa sorta di abitudinarietà all'essere "proni" nei confronti di supposti nostri proff...) che non ci offende perché non può offendere ciò che ti è estraneo, non ti appartiene. Potrebbe fuorviare chi qui legge e non ci conoscesse bene, in questo può essere sgradevole, ma va bene anche così. Le difficoltà mettono alla prova...

Sull'articolo che criticasti a suo tempo. Nulla dico al riguardo perché non sarei capito dai più che ignorano la cosa. La risposta che ti fu data non ti soddisfece? Non ti parve "dignitosa"? Che dire!... Visto che la cosa ancora te la porti dentro, un suggerimento 'catartico' se interessa. Riproponi qui con chiarezza e sintesi la questione. Chi vorrà interloquire lo farà.

Su facebook. Non so che c'entri con l'altra questione che ponevi... Ne parli con sprezzo antimercatista e, mi pare, ai fini di un'ulteriore 'tirata' a "Indipendenza". Insomma, "proni ai proff" e "sul mercato" del "Face-orrore"...
Forse ti sfugge che viviamo in un sistema sociale di dipendenza pervasiva capitalistica ed imperialistica che fa orrore. Magari il tutto fosse limitato a facebook! Dopo di che, senza magnificare lo strumento e stante una serie di 'questioncelle' retrostanti la ragion d'essere di questa "rete sociale", resta un'opportunità (non esclusiva) che cogliamo per comunicare e per allacciare rapporti da portare nell'agire sociale per le idealità politiche che ci animano. Sai, non abbiamo da sempre il culto per la minorità politica e l'elitismo culturale. Non farcene una colpa...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Rodolfo Loffredo



Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 31.08.07

MessaggioTitolo: Re: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   Lun Mag 24 2010, 20:06

"Sull'articolo che criticasti a suo tempo. Nulla dico al riguardo perché non sarei capito dai più che ignorano la cosa. La risposta che ti fu data non ti soddisfece? Non ti parve "dignitosa"? Che dire!... Visto che la cosa ancora te la porti dentro, un suggerimento 'catartico' se interessa. Riproponi qui con chiarezza e sintesi la questione. Chi vorrà interloquire lo farà."
E' tardi, sono passati anni. Ti rendi conto di essere fuori tempo massimo, Aleksandros? Ciao. rodolfo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Rodolfo Loffredo



Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 31.08.07

MessaggioTitolo: Rodolfo Loffredo: non vedo la mia risposta di 12 ore fa   Mer Mag 26 2010, 20:35

26.05.2010= Perché non vedo la mia [seconda] risposta di 12 ore fa? Dov'è? Se la ragione fosse Perché, Rodolfo, sei un insopportabile maleducato rompiscatole! od altro e peggio, ed un Admin è stato costretto a bruciarti! beh, lo capirei. Ma potrebbe darsi che stamattina io abbia premuto qualche invio in meno e qualche pulsante in più. Ed allora varrebbe la pena (= ma varrebbe la pena?) di cercarla smarrita nelle pieghe del forum. Dai! Pensateci un po' su. rodolfo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Roma, 23 maggio. Presentazione libro   

Tornare in alto Andare in basso
 
Roma, 23 maggio. Presentazione libro
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Bacheca (iniziative e comunicati interni)-
Andare verso: