Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 referendum abrogativo sulla legge elettorale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Guidofi



Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 06.05.07

MessaggioTitolo: referendum abrogativo sulla legge elettorale   Mar Lug 10 2007, 12:38

Devo dire di non aver seguito molto la questione del referendum di questi giorni sulla legge elettorale; mi sembra però che le sue proposte peggiorino la legge elettorale vigente, o comunque non colgano affatto le cause della frammentazione partitica, e che soprattutto portino ad un bipolarismo con liste del tutto bloccate. Che cosa ne pensate in merito?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sankara

avatar

Numero di messaggi : 416
Data d'iscrizione : 14.04.07

MessaggioTitolo: Re: referendum abrogativo sulla legge elettorale   Gio Lug 12 2007, 04:07

Ciao Guidofi,
le questioni principali sul tappeto sono proprio quelle che tu rilevi. Le proposte referendarie mirano principalmente a costringere i partiti a presentarsi in un unico listone sotto un solo simbolo, abrogando tutti i riferimenti della legge nelle parti che prevedono le coalizioni.
Le proposte referendarie non vanno dunque a toccare le candidature calate dall’alto (dai collegi uninominali alle “liste bloccate”) ed imposte di fatto agli elettori dai vertici di partito a partire dal 1993 con la legge mattarellum (75% maggioritario-uninominale, 25% proporzionale con liste bloccate). Quel che viene sostanzialmente eliminata è la possibilità, per gli elettori, di poter scegliere un partito all'interno della coalizione: di fatto, come hai rilevato, si peggiora la legge esistente, dato che con la riforma del centrodestra (in realtà un finto proporzionale per la presenza del “premio di maggioranza” per la coalizione vincente e di “soglie di sbarramento”) quantomeno gli elettori potevano loro modellare gli equilibri interni alla coalizione votata scegliendo il partito più consono.
Ricordo che con la precedente legge mattarellum tali equilibri venivano invece fissati da estenuanti e poco edificanti contrattazioni tra i vertici di partito per le candidature da presentare nei collegi uninominali previsti dal maggioritario. Collegi la cui istituzione ha causato quella frammentazione partitica che rilevavi: diventando decisivi anche poche percentuali di voto per la vittoria in certi collegi, ne è derivato un incentivo a farsi la propria lista a fini di contrattazione con gli altri partiti.

Sulle finalità reali della legge. Guzzetta stesso, in un documento scaricabile sul sito del comitato referendario www.referendumelettorale.org/index.html, ha affermato di voler superare il “bipolarismo di coalizione” per andare verso un orizzonte bipartitico. Se le proposte referendarie passassero, avere due “superlistoni” in competizione tra loro (il “bipolarismo con liste bloccate” a cui fai riferimento) è una ipotesi. Le risse che scaturirebbero tra i vertici di partito sulla scelta delle persone e soprattutto dell’ordine delle candidature in questo “superlistone” potrebbero però essere tali da spingere ogni partito a presentarsi da solo. Tremende sarebbero le conseguenze per la rappresentatività democratica: stante il premio di maggioranza per chi prende anche un solo voto in più, ed ipotizzando ad esempio la presenza di sole 4 liste di un certo peso, si rischia di assegnare più del 50% dei seggi parlamentari ad una forza che superi anche di poco il 25%.

Sullo sfondo di questi ragionamenti, rilevo che la costituzione del partito democratico, quello in preparazione della “Cosa rossa” (dai fuoriusciti DS di Mussi al PdCI a Rifondazione Comunista) e la probabile formazione di un partito unico del centrodestra (lo chiameranno “repubblicano”?) di fatto si collocano comunque, Guzzetta o non Guzzetta, in un quadro di ulteriore avvicinamento del sistema politico al bipolarismo di stampo anglossassone. Sul prossimo numero del cartaceo, ti annuncio infine articoli dedicati proprio alle riforme elettorali ed a quelle costituzionali “bipartisan” che si prefigurano.
A risentirci
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
referendum abrogativo sulla legge elettorale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Referendum per l'abrogazione della legge Merlin
» Novità sulla Proposta di Legge settore estetica
» Nuovo disegno di legge e corsi per onicotecnici
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: