Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Proposte per una “rimodulazione del peso fiscale”

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Gaspare Serra



Numero di messaggi : 40
Età : 33
Data d'iscrizione : 26.10.09

MessaggioTitolo: Proposte per una “rimodulazione del peso fiscale”   Sab Feb 20 2010, 12:06

I- RIMODULAZIONE SCAGLIONI ED ALIQUOTE IRPEF.

Una riduzione dell’Irpef, sia pur necessaria (specie in una fase di generale impoverimento delle classi sociali medie, di perdita di potere d’acquisto delle famiglie e di crollo dei consumi), non può che avvenire:

a- nel rispetto del principio di “progressività dell’imposta”

b- e nel quadro di una lotta senza campo contro l’evasione fiscale.

Stante le limitate risorse finanziarie di cui dispone attualmente lo Stato:

- se è improponibile una “riduzione generalizzata” delle imposte per tutti

- è, di contro, auspicabile una rimodulazione del carico fiscale su lavoratori, pensionati e famiglie in modo da alleviare il carico fiscale specificatamente:

a- sui percettori di “redditi minori”

b- e sulle “famiglie numerose” (l’introduzione del quoziente familiare, benché richieda uno notevole sforzo riformatore, dovrebbe divenire il principale obiettivo di qualsiasi riforma fiscale).

Sarebbe allora opportuna una progressiva riduzione:

a- sia degli scaglioni di reddito

b- che delle aliquote Irpef

Un nuovo possibile schema impositivo Irpef potrebbe essere il seguente:

I- fino a 20 mila euro di reddito, riduzione dell’aliquota Irpef al 15%

II- fino a 40 mila euro, riduzione dell’aliquota al 25%

III- fino a 60 mila euro, riduzione del’aliquota al 35%

IV- oltre gli 80 mila euro, riduzione dell’aliquota al 40%.





II- RIDUZIONE DEL “CUNEO FISCALE”.

Necessita una riduzione del “cuneo fiscale” al fine:

a- sia di ridurre il costo del lavoro (facilitando le assunzioni)

b- sia di aumentare la “retribuzione effettiva” dei lavoratori dipendenti (ossia la differenza tra quanto si guadagna e quanto si percepisce al netto delle tasse).





III- INTRODUZIONE DI UNA “TASSA PATRIMONIALE” SUI GRANDI PATRIMONI.

Data l’elevata incidenza della patrimonializzazione nella formazione della ricchezza in Italia, sarebbe auspicabile l’introduzione di una tassazione patrimoniale (dall’aliquota bassa ma crescente al crescere del valore del patrimonio) sui complessi patrimoniali di valore stimato superiore a “1 milione di euro”.

Si tratterebbe di una “imposta di solidarietà sociale” che garantirebbe un nuovo gettito fiscale in grado di:

a- in parte, compensare la riduzione del gettito Irpef

b- in altra parte, incentivare le fasce sociali più ricche a spendere i propri redditi (alimentando il mercato) piuttosto che accumularli parassitariamente.





IV- AUMENTO DELLA TASSAZIONE SULLE “RENDITE FINANZIARIE”.

In Italia l’aliquota sulle rendite finanziarie è del 12,5%. Ciò significa che:

- mentre chi lavora paga l’Irpef dal 23 al 43%

- mentre chi fa impresa paga fino al 50% di tasse

- mentre chi consuma paga l’Iva dal 4 fino al 20%

- chi dispone semplicemente di rendite finanziarie (dunque guadagna sul capitale investito) paga solo il 12,5% di tasse!

Ragioni di “equità fiscale” (di redistribuzione del carico fiscale tra i redditi da lavoro e d’impresa e le rendite da capitale) impongono di portare la tassazione delle rendite ad un livello più adeguato, comparabile con quello europeo.

Sarebbe auspicabile, allora, il raddoppio dell’imposta dal 12,5 al 25%.





V- AUMENTO DELL’IVA SUI “BENI DI LUSSO”.

E’ auspicabile spostare l’imposizione fiscale sempre più dal reddito ai consumi, ossia tassare la ricchezza:

- piuttosto che quando prodotta

- quando viene spesa.

Questo si giustifica sulla base della constatazione che la capacità di consumo (salvo che per i beni primari) cresce all’aumentare del reddito: l’imposta sui consumi di beni “di lusso”, dunque, è l’imposta progressiva per eccellenza!

In Italia, per fare quale esempio, si paga:

- un’aliquota Iva del 4% su beni primari come il pane e la pasta

- un’aliquota del 10% su beni come la pizza o il pesce

- ed un’aliquota del 20% su beni come i detersivi ed i profumi.

Sarebbe opportuno portare al 25% l’aliquota Iva sui beni di lusso (come auto di grossa cilindrata, barche di grosse dimensioni, ville, piscine…).

Ogni punto percentuale in più di aliquota Iva equivale a circa 6 miliardi di euro di gettito in più a favore dell’erario.





LEGGI IL PROSEGUO DELL’ARTICOLO SU:

http://spaziolibero.blogattivo.com/g-s-b1/TARTASSATI-E-CONTENTI-b1-p239.htm
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://gaspareserra.blogspot.com
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: stupore (forse sono stupido)   Sab Feb 20 2010, 20:18

trovo patetico fare proposte di riforma.
Quanti sanno che l'IVA e' un'imposta sui consumi? e che i negozianti e gli artigiani, oltre alle industrie e agli enti pubblci come AMGA, ENEL ecc. fanno solo gli esattori per lo Stato? ovvero non dovrebbero trattenersi i soldi intascati?
E poi quanti sono i soldi raccolti con le tasse? ovvero la totalita' degli incassi? cioe' Imposta di registro, passaggi di proprieta', tasse automobilistiche, marche da bollo ecc.? Forse non lo sa nemmeno la Ragioneria Generale dello Stato.
E se non si conoscono le entrate come si fa a rivedere le aliquote di competenza alle varie classi sociali?
Forse la Ragioneria non sa nemmeno a quanto ammontano le Uscite. Ogni volta, ogni anno mi chiedo come sia possibile che ci sia sempre un dis-avanzo! un debito dato dalle spese correnti, senza parlare del debito pubblico (1.800 miliadi di euro il 120 % del PIL).
Caro Gaspare, forse avrai meritato il 110 e lode ma la politica economica, non l'economia politica, non e' nelle nostre facolta'. Noi possiamo solo far presenti le condizioni dei disoccupati, dei precari, della vivibilita', ecc. nella speranza di avere abbastanza forza per ottenere condizioni migliori.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Proposte per una “rimodulazione del peso fiscale”
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» aumento peso e altezza neonati
» ma voi, al terzo mese, quanto peso avete preso?
» peso del bimbo alla 35° settimana
» Quanto conta il peso per il PMA
» ormoni e peso

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: