Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 problema bamboccioni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: problema bamboccioni   Lun Gen 25 2010, 10:53

Penso che Brunetta si riferisca ai "figli di papa'" benestante.
Per risolvere il problema rimettere il servizio militare fino a 18 mesi con 100 lire al giorno di paghetta.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: precisazioni   Mar Gen 26 2010, 20:48

Non sono militarista.
La mia insegnante al liceo precisava che il servizio militare, prima di essere un dovere, e’ un diritto: i cittadini devono essere capaci di difendere la patria e in questi ultimi tempi, soprattutto Lega e PDL, compreso Napolitano, non fanno che riempirsi la bocca di patria e di inno nazionale. Ipocriti.
Questa mattina sono intervenuto a Prima Pagina e il giornalista di turno mi ha risposto che non si puo’ ripristinare il servizio militare per via del nonnismo. Un’altra balla. Il nonnismo era alimentato dagli stessi ufficiali che si divertivano a vedere questi deficienti aggredire le reclute.
Durante la naia i ragazzi imparavano a lavare i piatti e a lavarsi le mutande.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
lothar



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 27.01.10

MessaggioTitolo: Re: problema bamboccioni   Mer Gen 27 2010, 00:54

Ho fatto il servizio militare da antimilitarista "militante" in anni lontani, ho rischiato con altri compagni di sventura la galera per innocue e ingenue azioni dimostrative.
Però, però non posso dimenticare la grande esperienza di vita e di relazioni solidali di un ventenne ad oltre mille chilometri da casa in un ambiente assurdo, violento (troppi ragazzi suicidi!) sprezzante della dignità delle persone.
Da esperienza oppressiva a moto di riscatto e condivisione collettiva di esperienze.
In quali "opportunità" simili oggi i nostri sono costretti?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
francescof

avatar

Numero di messaggi : 4
Età : 66
Data d'iscrizione : 27.01.10

MessaggioTitolo: RISPONDIAMO AL MINISTRO BRUNETTA SUI “BAMBOCCIONI”   Mer Gen 27 2010, 09:47

RISPONDIAMO AL MINISTRO BRUNETTA SUI “BAMBOCCIONI”
Commento: ci vogliamo rendere conto in che mani siamo, stiamo parlando di un Ministro della Repubblica Italiana e non di una persona qualunque che dice queste cose.
Abbiamo, ed io parlo per la nostra categoria, dei disabili, persone che hanno un assegno mensile di 254 euro, e non riescono a vivere e devono fare la fila alla “Caritas”, abbiamo pensioni minime da fame, 450 euro, e il tomo si permette di dire queste stupidaggini…..
E’ un’offesa a popolo italiano, pensare che un giovane esca di casa perché riceve 500 euro, e al concreto a cosa gli servirebbero?
Si potrebbe permettere di pagare un mutuo? Si potrebbe permettere di pagare luce, telefono, gas, condominio ecc.

In un momento così delicato uscire con queste fesserie è paranoicamente assurdo; invece di parlare di cose concrete, si fanno sciocche polemiche.
Certo, per queste persone la crisi non è di casa e quindi non hanno pensieri seri ma possono permettersi queste uscite.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.ilmid.it
gian



Numero di messaggi : 41
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: problema bamboccioni   Mer Gen 27 2010, 20:54

tadiottof ha scritto:
Non sono militarista.
La mia insegnante al liceo precisava che il servizio militare, prima di essere un dovere, e’ un diritto: i cittadini devono essere capaci di difendere la patria e in questi ultimi tempi, soprattutto Lega e PDL, compreso Napolitano, non fanno che riempirsi la bocca di patria e di inno nazionale. Ipocriti.
Questa mattina sono intervenuto a Prima Pagina e il giornalista di turno mi ha risposto che non si puo’ ripristinare il servizio militare per via del nonnismo. Un’altra balla. Il nonnismo era alimentato dagli stessi ufficiali che si divertivano a vedere questi deficienti aggredire le reclute.
Durante la naia i ragazzi imparavano a lavare i piatti e a lavarsi le mutande.
2000snlp

Prendo spunto da questo e altro post, per fare un accenno non di bamboccioni, ma di un altro problema emerso, ossia il servizio militare, la funzione dell'esercito in uno stato .... al servizio di chi ... ?

Per portare avanti le mire imperialiste della democrazia occidentale occorrono nuovi eserciti.
Eserciti di professionisti, mercenari che non combattono per la difesa della patria e dello Stato, ma per gli interessi economici internazionali. Sganciato dalle istituzioni e dalla politica nazionale.

Per quale motivo l’esercito di leva, voluto dalla nostra Costituzione, creato per difendere la “nostra” nazione, pone nel rifiuto della guerra una della basi della sua esistenza, per quale motivo questo esercito non andava più bene?

Perché l’esercito di leva era considerato arretrato, lento, formato non da professionisti ma da cittadini, legato alla nazione e alla sua difesa, poco spendibile sui fronti internazionali, poco efficace ed efficiente. In sostanza inadeguato alla politica interventista e imperialista portata avanti negli ultimi anni dal governo degli Stati Uniti e dai suoi alleati.

La riforma dell’esercito è una richiesta imposta, fatta sulla base di esigenze di operatività, di prontezza, di professionalità, sempre più manifeste non solo in tutta Europa, vedi la guerra nel Cossovo, ma anche in Medio Oriente, e in Africa.

La riforma dell’esercito, ebbe inizio con il governo D’Alema nel 1999 con un disegno di legge, e successivamente col governo Amato nel 2000 venne approvata a grandissima maggioranza, la legge 14 novembre 2000, n.331, e si decise con questa legge la trasformazione dell’esercito in senso professionistico.

Si tratta in tutta evidenza, di un provvedimento di stampo militarista e guerrafondaio, pianificato per sostenere i dichiarati appetiti interventisti, egemonisti dei dominanti americani.
Con questa nuova legge, (n.331) la leva non è abolita ma solo sospesa, in quanto è previsto il suo immediato ripristino in caso di “guerra o crisi di particolare rilevanza”, opzione con la quale lo Stato si riserva comunque il diritto di disporre del popolo da mandare allo sbaraglio nelle guerre imperialiste, nel caso non gli bastasse più l'esercito mercenario. In questo modo è stato aggirato anche l'articolo 52 della Costituzione, che sancisce il “servizio militare obbligatorio”.

Vediamo le tappe legislative:
3 settembre 1999 Il Consiglio dei Ministri (Governo D’Alema) approva il Disegno di legge che deve avviare il processo per giungere alla fine della coscrizione obbligatoria. Il provvedimento viene presentato alla Camera dei Deputati l'8 ottobre 1999 quale Disegno di legge n. 6433 “Delega al Governo per la riforma del servizio militare”.

24 ottobre 2000 Viene approvata con grandissima maggioranza quella che sarà la legge 14 novembre 2000, n.331 “Norme per l’istituzione del servizio militare professionale” (www.camera.it/parlam/leggi/00331l.htm).

4 aprile 2001 Il Governo, che secondo la precedente legge del 2000 è tenuto a disciplinare entro un anno tramite decreto legislativo la graduale sostituzione, approva il Decreto Legislativo 8 maggio 2001, n. 215 “Disposizione per disciplinare la trasformazione progressiva dello strumento militare in professionale”.

29 luglio 2004 La Camera dei Deputati (Governo Berlusconi) approva definitivamente il disegno di legge Martino concernente la “sospensione anticipata del servizio obbligatorio di leva e disciplina dei volontari di truppa in ferma prefissata”.

Come si può ben vedere gli obiettivi dei governi di destra e sinistra coincidono nelle gestione dei modi e dei tempi della questione. Ciò che accomuna i due schieramenti è evidente: tutta la classe politica italiana, è servilmente ansiosa di partecipare alla corsa imperialistica del dominante americano, per proiettarsi anche militarmente all'estero, approfittando delle situazioni di crisi.
Saluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: soddisfazione   Gio Gen 28 2010, 15:49

bene. Sono molto soddisfatto di aver stimolato riflessioni.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: problema bamboccioni   

Tornare in alto Andare in basso
 
problema bamboccioni
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il nostro problema sono le fiabe...tipo cenerentola...
» problema dell ateismo nella comunità
» Risolto finalmente il problema nido!!
» E' più grave un problema maschile o femminile?
» Il problema delle patate

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: