Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Ciao

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Ciao   Ven Ott 02 2009, 16:50

Buon pomeriggio a tutti. Sono maura e vengo da Ancona. Disoccupata da due anni......e da due anni lavoro per la gloria, cioè gratis. Sono contenta di essermi iscritta, ci sono un sacco di bei articoli e persone con cui confrontarmi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
kamo

avatar

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 10.05.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Ven Ott 02 2009, 23:47

Ti troverai bene qui... Ben arrivata
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Sab Ott 03 2009, 08:29

Grazie!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
aposkinhead

avatar

Numero di messaggi : 124
Localisation : udine
Data d'iscrizione : 22.08.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Sab Ott 03 2009, 08:35

benvenuta compagna patriota, ti capisco... il mondo del lavoro ogni giorno peggiora in salsa liberista e schiavista.
...ribellarsi è giusto, costruendo appunto l'ALTERNATIVA AL CAPITALISMO.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: era postindustriale   Sab Ott 03 2009, 21:11

Hai gia' letto "era post-industriale" nella sezione "cultura e costume"?
Vuoi lasciare un commento?
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Dom Ott 04 2009, 08:20

Ciao aposkinhead, Grazie. Hai ragione dovremmo costruire un'alternativa, soprattutto dobbiamo (ri)-cominciare ad avere rispetto per il lavoratore, più usato come una macchina, che come un essere umano.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Dom Ott 04 2009, 08:20

ciao tadiottof, lo leggerò sicuramente. Grazie
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
karlmarx



Numero di messaggi : 4
Età : 62
Localisation : verona
Data d'iscrizione : 04.10.09

MessaggioTitolo: riprendiamoci il potere !   Lun Ott 05 2009, 00:59

ciao!
trovo sorprendente la presentazione: "sono disoccupata da due anni", ovvero "lavoro gratis", poiché queste cose semplicemente non dovrebbero succedere; eppure non stento a crederlo, purtroppo accadono, eccome.
personalmente sono stato un lavoratore precario per 25 anni, con periodi di disoccupazione: professore precario pur con laurea scientifica a punteggio pieno e regolare concorso superato, ma immesso in ruolo solo nel giugno scorso, un quarto di secolo dopo la laurea!
nel frattempo una amica che ha appena concluso il dottorato ha trovato in bacheca all'università di Verona un bando che bandisce...nove mesi di insegnamento non pagati.
e mi hanno avvisato che in alcune scuole private gà è diventata una prassi: "insegni, accontentati di fare punteggio, non ti paghiamo" .
quese cose non finiscono sui giornali, il governo finge di ignorarle, e allora è assolutamente necessario che i lavoratori, tutti noi, si organizzino per combattere questa situazione pazzesca ed intollerabile.
tanto più che una voragine di denaro viene dilapidata nelle guerre come quella in Afghanistan (per armarsi lo Stato spende facendo debiti per il futuro, con i nosti soldi!).
non possiamo permettere che tutto continui così, dalle nostre discussioni deve nascere una nuova opposizione di base, del popolo, altrimenti andremo a picco!
i governanti non sono i padroni del vapore, devono tornare ad essere gli amministratori del bene comune, lo Stato è nostro, di tutti noi, non è "cosa loro" !
auguri !
Smile vincenzo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Lun Ott 05 2009, 07:19

Ciao Karl. E' vero sembra assurdo scrivere non lavoro e poi aggiungere lavoro gratis, ma, come hai giustamente scritto, è quello che sta succedendo nel nostro Paese. Grazie per gli auguri...mi servono Wink
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: cari ragazzi   Lun Ott 05 2009, 08:36

Cari ragazzi,
posso definirvi ragazzi dall'alto della mia età, se non capiamo la situazione in cui si trova il mondo, e ci troviamo anche noi, non verremo a capo dei problemi di chi vive dello stipendio.
I lavoratori non servono più.
Lo dicono anche Tremonti e Draghi, quando ammettono che la crisi è superata, ma che la disoccupazione aumenterà.
I lavoratori non servono più perche sostituiti dalle macchine, dai motori e dai computer.
Avranno occupazione e stipendio solo coloro che si dedicheranno a lavori parassitari: polizia amministrativa, giornalisti di regime, addetti ai call center, bancari, addetti alla sicurezza degli impianti (che sono già sicuri per definizione di legge) ecc.
Deaglio conferma che le società per azioni sono una forma di socialismo: il problema e’ la governance.
Ci vogliono Parlamenti che siano sensibili alla dignità della gente, senza fare della beneficienza.
Gli Americani fanno i loro interessi ma sono sensibili alla libertà dell’individuo, però in Afghanistan dobbiamo portare l’istruzione, non la morte.
Come si fa? Alcuni studenti sono riottosi e pigri.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
karlmarx



Numero di messaggi : 4
Età : 62
Localisation : verona
Data d'iscrizione : 04.10.09

MessaggioTitolo: conta di più la lotta di classe   Lun Ott 05 2009, 20:05

@ tradiottof : non si deve fare troppo caso a ciò che dicono Draghi e amici. La realtà è una cosa che si disinteressa dei programmi enunciati da tizio e caio. In particolare, la realtà delle vicende umane è il risultato delle azioni umane, non degli enunciati di Draghi. Detto in altri termini, come si evolveranno l'economia la politica e l'occupazione dipenderà da ciò che faremo tutti noi, non da ciò che vuole Draghi o chi altri. E siccome esistono sostanzialmente due classi, quella capitalista e quella proletaria, gli sviluppi futuri saranno generati dalle iniziative dei capitalisti e da quelle dei proletari. Con una differenza: i proletari sono eccezionalmente più numerosi. Il che significa che se si organizzano, coscienti della loro forza, sono invincibili. Se vengono sconfitti è solo perché non si organizzano, e lasciano così il potere nelle mani degli sfruttatori. Questa è l'unica cosa da fare, dunque: ricostruire la coscienza di classe e la lotta di classe. Allora nessun Draghi potrà più permettersi di annunciare il calo dell'occupazione. Sono "padroni" di niente, in realtà, perché hanno bisogno del lavoro degli uomini, oggi come ieri, cosa che non cambia affatto solo perché sono cambiati strumenti e tecniche. Ciò che conta sono solo i rapporti di forza tra le classi: numericamente i lavoratori sono enormemente di più, bisogna solo ricominciare ad organizzare il nostro potere e la nostra lotta. Facendo questo, non vi è nulla da temere. Al diavolo i capitalisti e i loro progetti di sfruttamento. Tutto dipende da cosa vogliamo fare: se liberarci oppure no.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: questa e' la realta'   Lun Ott 05 2009, 21:44

....se si organizzano....
Ma dai, dalla pubblicazione del manifesto del Partito Comunista e' passato un secolo prima che i lavoratori otteneressero dei risultati, subito bruciati da loro stessi, gongolando per il dissolvimento dell'URSS.
Poi hanno votato Berlusconi e D'Alema.
Occhetto ha perso perche' era un puro.

...hanno bisogno del lavoro degli uomini, oggi come ieri, cosa che non cambia affatto solo perché sono cambiati strumenti e tecniche.......
Cambia, cambia. I beni possono essere prodotti dagli automi (non scherzo) e la massa dei senza lavoro, straccioni e disorganizzati, possono essere tenuti a freno dall'esercito e dalla polizia.
Solo prendendo coscienza del cambiamento potremo riorganizzarci, ma fintantoche' ci sara' chi la pensa come te, nostalgico dell'eta' dell'oro della classe operaia, non si verra' a capo di niente e i "padroni" potranno, nel frattempo, confermarsi nella loro nuova postazione.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mar Ott 06 2009, 07:16

Sono d'accordo con Karl. Qui non si tratta di rivisitazioni o di nostalgia, ma di prendere atto che il Capitalismo è stato, come stiamo assistendo in questi ultimi tempi, e non solo, un fallimento. Quello che ancora non capiamo è che prima di tutto in Italia non abbiamo mai avuto una vera Rivoluzione, e soprattutto che siamo noi, lavoratori, a mandare avanti un'economia. Ci siamo lasciati calpestare dal datore di lavoro, dimenticando che se il "capo" di un'Azienda ci offre lavoro, noi, operai, mettiamo a sua disposizione il nostro sapere. Per farla breve abbiamo lasciato che ci sfruttasse in cambio di una utopica ricchezza, che come sappiamo tutti non può esistere con il capitalismo. Cambiare mentalità ed organizzazione, ecco il primo passo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
aposkinhead

avatar

Numero di messaggi : 124
Localisation : udine
Data d'iscrizione : 22.08.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mer Ott 07 2009, 00:23

condivido in pieno la compagna Maura, che partendo da semplici riflessioni va al sodo...A differenza di schifofreniche e vuote ricette arrugginite, sconfitte da storia e purtroppo dai fatti (intendo anarchismo e vecchie ricette ortodosse para-marxiste, staliniste o giù di lì). bravissima compagna, avanti così.....in sintonia.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mer Ott 07 2009, 08:51

Cosa centra Stalin o Lenin con MARX?
Perche' era rivoluzionario l'uno e despota l'altro?
Marx ha elaborato una teoria economica ancora insuperata.
Infine per organizzare gli sfruttati ci sono voluti 100 anni; per riorganizzarli ve ne vorranno altrettanti.
Dopo Tangentopoli tutti gridavano alla privatizzazione, anche i dipendenti pubblici (andate i rivedere i giornali di quegli anni); i dipendenti pubblici sono rimasti fregati assieme ai dipendenti privati e tutti ingrossano la schiera dei disoccupati.
Alla restaurazione del vecchio ordine ci hanno pensato, risorti dalla cenere, quelli della casa delle Liberta' (tante, anche quella, per gli sfrattati, di dormire sotto le stelle).
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
kamo

avatar

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 10.05.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Dom Ott 11 2009, 12:30

Maura ha scritto:
Quello che ancora non capiamo è che prima di tutto in Italia non abbiamo mai avuto una vera Rivoluzione, e soprattutto che siamo noi, lavoratori, a mandare avanti un'economia. (...) Cambiare mentalità ed organizzazione, ecco il primo passo
Ho appena postato qui ( http://indipendenza.lightbb.com/parliamo-di-indi-riflessioni-suggerimenti-e-quant-altro-f3/post-neo-fascismo-e-idea-di-nazione-t324-30.htm ) dei passaggi di un documento di "Indipendenza" che ho letto sul suo sito ("Questione nazionale e problemi dell'inter-nazionalismo"). Forse risposte a quello che dici si possono trovare là. ciao
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
.....



Numero di messaggi : 236
Data d'iscrizione : 29.05.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mar Ott 13 2009, 23:21

Cia Maura spero non risulti antipatico.Un saluto
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
iskra

avatar

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 22.08.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mer Ott 14 2009, 01:05

Maura ha scritto:
Cambiare mentalità ed organizzazione, ecco il primo passo
Tu che proponi?
Colgo l'occasione per salutare il tuo arrivo qui...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mer Ott 14 2009, 11:46

..... ha scritto:
Cia Maura spero non risulti antipatico.Un saluto

Ciao perchè dovresti risultare antipatico? anzi, ho letto alcuni tuoi interventi e devo dire che sono molto costruttivi ..... poi l'antipatia è soggettiva Wink Wink
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maura

avatar

Numero di messaggi : 99
Età : 41
Data d'iscrizione : 02.10.09

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Mer Ott 14 2009, 11:49

Ciao iskra grazie per il saluto. Ti riporto un commento che ho scritto giorni fa, in un'altra discussione: Parlavi di interventi. In Italia i problemi sono molti e, secondo il mio parere, dobbiamo intervenire per gradi, altrimenti si rischia di non risolvere niente. Purtroppo non possiamo contare su una opposizione degna di questo nome, dobbiamo in primis ristabilire la nostra idea di politica e partire da quella, ristabilire il concetto di lavoratore e soprattutto avere la capacità di rischiare, cosa che è stata totalmente ignorata negli ultimi quindici anni.
Mi piacerebbe discuterne su questo e anzi raccogliere tutte le idee per trovare la strada giusta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1014
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Re: Ciao   Gio Ott 15 2009, 19:15

Maura ha scritto:
Ciao iskra grazie per il saluto. Ti riporto un commento che ho scritto giorni fa, in un'altra discussione: Parlavi di interventi. In Italia i problemi sono molti e, secondo il mio parere, dobbiamo intervenire per gradi, altrimenti si rischia di non risolvere niente. Purtroppo non possiamo contare su una opposizione degna di questo nome, dobbiamo in primis ristabilire la nostra idea di politica e partire da quella, ristabilire il concetto di lavoratore e soprattutto avere la capacità di rischiare, cosa che è stata totalmente ignorata negli ultimi quindici anni.
Mi piacerebbe discuterne su questo e anzi raccogliere tutte le idee per trovare la strada giusta.
Ho raccolto la tua proposta e l'ho ripresa qui ( http://indipendenza.lightbb.com/parliamo-di-indi-riflessioni-suggerimenti-e-quant-altro-f3/che-fare-dalle-idee-all-iniziativa-politica-t439.htm ). Mi sembra la sede più adatta...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Ciao   

Tornare in alto Andare in basso
 
Ciao
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ciao ragazze!! passo per un saluto
» Ciao amiche mie....
» Ciao a tutte
» ciao....mi presento...
» ciao sono monia

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Presentazioni-
Andare verso: