Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Afghanistan

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
sankara

avatar

Numero di messaggi : 416
Data d'iscrizione : 14.04.07

MessaggioTitolo: Re: Afghanistan   Mar Lug 12 2011, 14:35

Ennesimo militare italiano morto. Stavolta in Afghanistan.
Solita stucchevole retorica servile tra istituzionali e gazzettieri.

Per queste guerre l'Italia profonde soldi, mentre taglia le spese sociali per mancanza di fondi. Si concorre a massacrare civili per le ambizioni geopolitiche di potenza di Washington.

Ma sulla guerra la sinistra dov'è? O ha messo l'elmetto, o è più interessata alle prostitute di Berlusconi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Hoffa

avatar

Numero di messaggi : 181
Età : 44
Localisation : Italia
Data d'iscrizione : 01.10.10

MessaggioTitolo: Re: Afghanistan   Mar Lug 12 2011, 17:21

Non mi pare che durante il governo di centrosinistra le missioni siano state riviste, anzi hanno anche aumentato l'organico. Ricordo che durante la guerra in Jugoslavia il governo di centrosinistra chiese i voti dell'opposizione di destra per autorizzare l'intervento militare. E quanto fecero pesare il fatto di aver votato quell'intervento.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.patriasocialista.it/
kamo

avatar

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 10.05.07

MessaggioTitolo: Re: Afghanistan   Mar Lug 12 2011, 18:33

sankara ha scritto:
Ma sulla guerra la sinistra dov'è? O ha messo l'elmetto, o è più interessata alle prostitute di Berlusconi.
Hoffa ha scritto:
Non mi pare che durante il governo di centrosinistra le missioni siano state riviste, anzi hanno anche aumentato l'organico.
Mi pare che Sankara parli pensando non al PD, ma alla sinistra diffusa.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alexfaro



Numero di messaggi : 62
Età : 67
Localisation : bologna
Data d'iscrizione : 10.04.11

MessaggioTitolo: risposta   Mar Lug 12 2011, 19:36

ragazzi ma qualcuno di voi crede ancora che la NATO sta in AFGANISTAN x combattere "Al Qaida" o il cd "terrorismo islamico internazionale"?
basta dare una occhiata alla carta geografica x vedere qual'è la vera ragione x cui la NATO(e principalmente gli USA)hanno inviato ben 160.000 ca soldati in Afganistan!
dal calendario atlante De Agostini 2011:
Afganistan confina a nord con il TURKMENISTAN,UZBEKISTAN,TAGIKISTAN;
a nord-est con la CINA;
a est e a sud con il PAKISTAN;
ad ovest con l'IRAN;
la superficie è di Kmq 653.000 ca e la popolazione è di ca 24.000.000 di abitanti.
fonte qui:
www.deagostinigeografia.it
ps
a questo punto ciascuno può mettere in moto i propri neuroni e trarre le dovute analisi e conclusioni.
alexfaro
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
kamo

avatar

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 10.05.07

MessaggioTitolo: Re: Afghanistan   Mar Lug 12 2011, 20:33

alexfaro ha scritto:
ragazzi ma qualcuno di voi crede ancora che la NATO sta in AFGANISTAN x combattere "Al Qaida" o il cd "terrorismo islamico internazionale"?
Ma a chi ti riferisci? Hai sbagliato forum?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alexfaro



Numero di messaggi : 62
Età : 67
Localisation : bologna
Data d'iscrizione : 10.04.11

MessaggioTitolo: risposta a Kamo   Mer Lug 13 2011, 22:01

no Kamo non ho sbagliato forum; la mia puntualizzazione è diretta a una certa persona il cui nickname comincia con T e da quello che ho capito è un seguace di Obama (e di conseguenza filo-USA) fino al midollo (visto il tenore dei suoi post).
alexfaro
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Hoffa

avatar

Numero di messaggi : 181
Età : 44
Localisation : Italia
Data d'iscrizione : 01.10.10

MessaggioTitolo: L’Italia ripudia la guerra.    Mer Lug 27 2011, 12:30

L’Italia ripudia la guerra. Un'analisi sul nostro operato in tema di missioni

Ieri, in Afghanistan, ha perso ingiustamente la vita un altro soldato. Il Caporal Maggiore David Tobini, di stanza a Pistoia, è la 41esima vittima di questo gioco al massacro che rappresenta la guerra in Afghanistan, la guerra dell’ oppio. Una guerra che noi non avremmo dovuto combattere e per la quale ora, l’ unica cosa fattibile, sarebbe elaborare una veloce exit strategy. Ma l’ Afghanistan non rappresenta l’ unico territorio sul quale stiamo combattendo una guerra ingiusta e costosa.
In merito alla guerra libica ad esempio, il sito di informazione www.globalist.it, ha di recente comunicato che secondo fonti ben informate l’Italia avrebbe fornito armi ai ribelli del Consiglio nazionale di transizione (Cnt), già a partire dalla prima settimana di marzo e quindi prima delle incursioni aeree della Nato, con un carico “travestito” da aiuti umanitari.

Per quanto concerne le vite umane, l’ Italia ha al momento circa 8.537 militari impegnati quotidianamente a fronte degli 8.338 impegnati nel precedente semestre.
Il terribile calcolo in termini di vite recise può essere effettuato secondo diversi criteri, per cui è difficile dare una risposta effettiva. Se ad esempio usiamo il criterio della singola missione, quella in Afghanistan ne conta 41, se vogliamo utilizzare il lasso temporale (ad esempio 2008-2011) i dati sono differenti. Ciò che non cambia è l’ evidenza: giovani vite, persone con nome e cognome, morte a volte per guerre ingiuste o che non meritavano di esser combattute.

E veniamo ai costi: comprendere l’esatto ammontare delle spese militari italiane è un’operazione molto complessa e a renderla difficile è il fatto che numerosi attori istituzionali concorrono per il corretto funzionamento del settore: il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero della Difesa, il Ministero dello Sviluppo Economico, per quanto concerne l’ aspetto “politico”; poi, ovviamente, c’è l’apparato militare che stabilisce i programmi sulla base di strategie che tengono conto delle così dette minacce esterne e degli obiettivi di proiezione di potenza.
Lo stanziamento complessivo, ascritto per il 2011, al Ministero della Difesa è pari a 20.494,6 milioni di euro, in aumento di 130,2 milioni di euro pari allo 0,6% del totale, rispetto al 2010.

Più in dettaglio:
• la funzione difesa, che riguarda le componenti terrestri, aeree e navali delle forze armate, ammonta a 14.327,6 milioni di euro, segnando un aumento di 32,6 milioni di euro pari allo 0,2% del totale rispetto al 2010;
• la funzione sicurezza del territorio, che riguarda l’arma dei carabinieri per le attività che ricadono all’interno delle competenze del dicastero della Difesa, che ammonta a 5.574,6 milioni di euro con un aumento di 145,2 milioni di euro pari al 2,6% in più rispetto al 2010;
• le funzioni esterne, cioè quelle attività non direttamente collegate con i compiti istituzionali di difesa come l’approvvigionamento idrico per le isole minori o voli di Stato, ammonta a 100,7 milioni di euro segnando una contrazione di 49,8 milioni di euro pari al 33,1%, rispetto al 2010;
• il trattamento di ausiliaria, cioè il trattamento di quiescenza del personale che ha cessato il servizio permanente ed è collocato in ausiliaria, prima che il relativo onere sia assunto dagli organi previdenziali, è pari ha 323,8 milioni di euro, e segna un aumento di 2.3 milioni di euro pari ad incremento dello 0,7% rispetto al 2010.
La funzione difesa si suddivide poi a sua volta in tre voci: personale, esercizio e investimento; in termini tecnici la ripartizione ottimale dei fondi si ha nel momento in cui essi sono assegnati per il 50% al personale e per il restante 50% all’esercizio e all’investimento.
Il ministero dell’economia, stanzierà per il 2011:
• 1.500 milioni di euro per la prosecuzione delle missioni di pace internazionali (di questi 750 milioni di euro sono stati previsti nella legge di stabilità e coprono le spese per il primo semestre dell’anno ma per la restante metà si dovrà provvedere con nuove risorse per la copertura del successivo semestre);
• 645,8 milioni di euro si trovano nel fondo per le spese di organizzazione e finanziamento dei servizi di sicurezza. Tale cifra include le spese riservate.
Il Ministero dello Sviluppo economico, con i suoi stanziamenti contribuisce all’acquisto di una larga fetta degli armamenti italiani e in particolare:
• 255 milioni di euro destinati al Fondo per gli interventi agevolati alle imprese, che negli ultimi anni è stato destinato totalmente per interventi a favore dell’aereonautica e dell’industria aerospaziale;
• 1.483 milioni di euro destinati a interventi agevolativi per il settore aeronautico;
510 milioni di euro destinati a interventi per lo sviluppo e l’acquisizione delle unità navali della classe FREMM
Si tratta a mio avviso di spese inutili. Basti pensare ai 131 caccia multiruolo di quinta generazione con capacità stealth che ci costeranno quasi 15 miliardi fino al 2026.
Partendo infatti dall’ assunto che l’ Italia ripudia la guerra, (articolo 11 della Costituzione) chi dobbiamo bombardare? E dal punto di vista economico poi, ce lo possiamo permettere, alla luce della nuova manovra finanziaria lacrime e sangue? Anche perché, in barba alla crisi, il mercato della guerra non conosce periodi di “magra” ed un caccia, ad esempio, è passato dal costo iniziale di 81 milioni di dollari a quello attuale di 131 milioni di dollari.

Come dicevo qualche riga fa, la ripartizione ottimale dei fondi si ha nel momento in cui essi sono assegnati per il 50% al personale e per il restante 50% all’esercizio e all’investimento. Ma le cose stanno andando realmente così?, a fronte dei tagli contenuti nelle varie finanziarie, a spese soprattutto dell’arruolamento delle truppe, della formazione dei militari, la manutenzione dei mezzi e delle strutture, crescono, invece, le spese per il personale, quasi 9,5 miliardi per il 2011 per avere Forze Armate con più comandanti che comandati, avanti con l’età e quindi poco “operativi”, al punto che pur disponendo di 180.000 uomini e donne con le stellette, non riusciamo a schierare all’estero più di 9.000 militari, come avverte uno degli autori di Il caro armato . Per i sistemi d’arma si spendono inoltre 3.453 milioni di euro nel bilancio della Difesa, cresciute dell’8,4% rispetto al 2010 e 2.248 milioni di euro allocati al Ministero dello Sviluppo Economico, per un totale di 5,7 miliardi di euro. L’ammontare complessivo delle spese per la Difesa per l’anno 2011 inserendo lo Sviluppo Economico e le Missioni supera così la cifra record di 24 miliardi di euro.

Nel maxi-emendamento del Governo alla legge di stabilità dello scorso anno, sono stati stanziati 750 milioni di euro per i primi 6 mesi del 2011 (di cui la metà solo per l’Afghanistan). Il costo per l’intero anno sarà, a regime, di 1,5 miliardi di euro, esattamente il 50% in più rispetto a pochi anni fa, anche se bisognerà considerare le nuove spese per l’intervento in Libia di cui non si ha ancora contezza.
Tuttavia meno del 10% dell’importo stanziato per le missioni viene impiegato per gli aiuti umanitari e per gli interventi di cooperazione, il resto serve per garantire le missioni militari. Il problema di fondo è che il Governo e il Parlamento si limitano a rifinanziare le missioni, senza valutare i risultati delle singole operazioni. In Afghanistan, per esempio, dopo 9 anni dall’inizio del conflitto si è costretti a mandare rinforzi (a fine dello scorso anno siamo arrivati a quota 4.000 uomini), e mezzi sempre più pesanti, una strategia che solitamente si segue quando si sta perdendo una guerra e non quando la si sta vincendo.

In sostanza: spendiamo troppo, versiamo il sangue dei nostri connazionali, perdiamo miseramente. Qual’ è il senso di tutto questo?

http://www.italiadeivalori.it/fabio-evangelisti/6951-litalia-ripudia-la-guerra-unanalisi-sul-nostro-operato-in-tema-di-missioni?notifica
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.patriasocialista.it/
alexfaro



Numero di messaggi : 62
Età : 67
Localisation : bologna
Data d'iscrizione : 10.04.11

MessaggioTitolo: commento   Mar Ago 09 2011, 19:51

Vorrei commentare l'abbattimento del Boeing CH47 Chinook Statunitense in Afganistan il quale è costato la vita a 38 militari, 31 USA e 7 Afgani. Sembra che 20 di questi appartenessero al Navy SEAL team 6° cioè a quelli che parteciparono al raid di Abbottabad in Pakistan, dove forse (ma il dubitativo è d'obbligo) sarebbe stato assassinato Osama bin Laden, nonostante il governo USA di Barack "Bombama" non ci abbia mostrato la benché minima prova che sia mai accaduto ciò che ci è stato raccontato finora.
A questo punto (ma guarda caso!) ci sono ben 20 testimoni in meno, di quello che è successo veramente nel "famoso" blitz di Abbottabad, con la conseguenza che ormai la verità forse non la sapremo mai più, a meno che i testimoni oculari pakistani del "fattaccio" non siano lasciati "liberi" di parlare.

un saluto
alexfaro
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: Re: Afghanistan   Mer Ago 10 2011, 08:20

Ma anche se i testimoni afghani fossero lasciati liberi di parlare, ma dicessero qualcosa che conferma la versione americana, gli credereste?
La verita', lo sappiamo, ha molte facce.
Allora non resta che farsi una domanda: preferireste farvi governare dai Talebani?
A me sembra che la risposta sincera sia negativa.
E come ne veniamo fuori da questa crisi economica e ideale?
Bisogna superare l'era post-industriale, che ha espulso gli operai dalla produzione.
Senza distruggere le macchine, i motori e i computer, come farebbero i luddisti.
Bisogna superarare l'era postindustriale cambiando il sistema economico.
A mio parere non e' utile nemmeno il marxismo, che ultimamente ho considerato come una "stampella" per sanare le contraddizioni del capitalismo.
Bisogna partorire una nuova strategia per conservare il benessere tecnologico raggiunto senza rinunciare al benessere della gente.
La ricchezza c'e'.
Accreditare 1000 euro, o 500 o 2000, sul conto corrente dei disoccupati sarebbe meno dispendioso degli interventi di salvataggio della BCE e della Fed. Si puo' calcolare: i disoccupati sono qualche milione, per 1000 euro saranno 2 o 3 miliardi di euro, molto meno dei finanziamenti chiesti da Obama per gli Stati Uniti.
Non e' una mia invenzione; e' solo una variante.
Qualche economista ha gia' suggerito di far piovere banconote dagli elicotteri; mi sembra meno pericolo, per l'ordine pubblico, versare i soldi sul conto corrente. I conti correnti sono molto diffusi; in questo modo inoltre lo Stato potrebbe mettere mano alle commissioni bancarie, ormai da usura, vessatorie.
2000snlp
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Afghanistan   

Tornare in alto Andare in basso
 
Afghanistan
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Vai alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» godo come un muflone in calore
» In afghanistan stuprare la moglie non è più reato.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica internazionale-
Andare verso: