Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 internazionalismo operaista e nuova sovranitÓ nazionale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
sandro gugliotta



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 03.02.09

MessaggioTitolo: internazionalismo operaista e nuova sovranitÓ nazionale   Mar Feb 03 2009, 20:22

Salve a tutti. Mi chiamo Sandro Gugliotta sono convinto che in Italia vi sia la necessitÓ di attivare efficacemente nuovi centri di controinformazione, unico antidoto al pensiero unico che sta sempre pi¨ definendo il nuovo uomo ad una dimensione. Spero di contribuire insieme a voi a lanciare nuovi spunti di riflessione e diversi punti di vista sulla realtÓ storico politica che il paese sta vivendo. Comincio subito: come coniugare l'internazionalismo operaista, avanguardia del pensiero progressista, con la necessitÓ di affermare una nuova sovranitÓ nazionale storicamente legata al superato concetto degli stati nazione che ha contraddistinto l'evoluzione liberal-conservatrice degli stati europei fino ad oggi?
grazie
sandro gugliotta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1014
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Re: internazionalismo operaista e nuova sovranitÓ nazionale   Ven Feb 06 2009, 02:57

sandro gugliotta ha scritto:
Salve a tutti. Mi chiamo Sandro Gugliotta sono convinto che in Italia vi sia la necessitÓ di attivare efficacemente nuovi centri di controinformazione, unico antidoto al pensiero unico che sta sempre pi¨ definendo il nuovo uomo ad una dimensione. Spero di contribuire insieme a voi a lanciare nuovi spunti di riflessione e diversi punti di vista sulla realtÓ storico politica che il paese sta vivendo. Comincio subito: come coniugare l'internazionalismo operaista, avanguardia del pensiero progressista, con la necessitÓ di affermare una nuova sovranitÓ nazionale storicamente legata al superato concetto degli stati nazione che ha contraddistinto l'evoluzione liberal-conservatrice degli stati europei fino ad oggi?
grazie
sandro gugliotta
Come non accogliere positivamente la disponibilitÓ che esprimi! Ti invito, se vuoi, a renderla conseguente, non solo continuando ad intervenire nel forum, ma anche scrivendo in privato alla redazione e circostanziando meglio i tuoi intendimenti. Nel merito di quanto scrivi, dico la mia, ma prima ti invito, in caso volessi proseguire il confronto su questo punto, a farlo (in questo forum) nella sezione "Parliamo di Indi", alla voce "Conflitto capitale/lavoro e liberazione nazionale". Lý sono stati giÓ posti dei nodi...

Sull' "internazionalismo operaista" resto perplesso. Non Ŕ che mi sia tanto chiara la cosa. Nel senso che, a parte lotte operaie localizzate ed episodiche qua e lÓ nel mondo, non vedo traccia di qualcosa che travalichi i confini statuali. E poi, cosa intendi per "internazionalismo"? Te lo chiedo non per ozioso diletto dialettico, ma per la convinzione che ho da molto tempo sull'accezione astratta e variegata che sovente se ne ha, quando mi Ŕ capitato di ragionarne al riguardo tra compagnerie largamente intese.

Quanto agli Stati-nazione: prendendo atto della realtÓ, dico che il loro concetto e soprattutto la loro funzione sono tutt'altro che superati. Non so se questo tuo convincimento sia legato alla constatazione della sudditanza di alcuni Stati (come l'Italia) rispetto ad altri. Ma se si guarda con una visione d'insieme lo Stato resta l'attore principale e a tutto campo, sullo scenario internazionale.

L'idea del "coniugare" che evochi, la colgo positivamente in termini di necessaria relazione tra lotte sociali e contesto nazionale da liberare. Qui da noi, in Italia, un'impostazione del genere Ŕ inesistente e sarebbe veramente rivoluzionaria. Non ci si rende nemmeno conto dei possibili effetti, delle potenziali connessioni causa-effetto che produrrebbe. Si tratta comunque di un livello ineludibile cui si arriverÓ. I fatti, la realtÓ parlano chiaro. Lotte sociali che non si pongano il problema della sovranitÓ e dell'indipendenza innanzitutto politica del proprio paese, sono condannate al piano minimale della pura rivendicazione salariale. Con esiti fisiologicamente insoddisfacenti o (quasi) nulli pur nella loro parzialitÓ, come generalmente si pu˛ rilevare. Viceversa si aprono prospettive molto interessanti. Basta seguire, nel mondo, le dinamiche politiche di chi ha assunto l'idea-forza del patriottismo rivoluzionario di liberazione e ne ha fatto un valore aggiunto sociale per rendersi conto delle sue enormi potenzialitÓ.

A risentirti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
internazionalismo operaista e nuova sovranitÓ nazionale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Presentata alla Camera la terza giornata nazionale dello sbattezzo
» Krokodil, la nuova droga che divora il corpo
» ...la mia nuova strada verso un sogno
» Papa: nuova generazione di cattolici in politica
» Creazione nuova religione

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Presentazioni-
Andare verso: