Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 PERICOLO: nuova speculazione edilizia

Andare in basso 
AutoreMessaggio
tadiottof



Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: PERICOLO: nuova speculazione edilizia   Dom Nov 30 2008, 14:14

A pagina 43 dell’Automobile di novembre, giornale dell’Automobil Club Italiano, si legge che un seria alternativa al petrolio e’ l’etanolo, l’alcol.
Dice che si ricava dalle alghe, sia marine che di acqua dolce e che la Shell sta realizzando un impianto sperimentale per la coltivazione.
Le alghe marine, anaffiandole con l’acqua di mare, si possono coltivare sui deserti costieri (Namibia, Sahara, Peru’ ecc.) e i deserti costieri sono milioni di kmq e si possono acquistare per pochi centesimi di euro al mq.
Gli impianti industriali, la raccolta delle alghe e la raffinazione dell’alcol, si trovano cosi’ sulla terraferma, a vantaggio nella produzione.
Credo che la Petrosun Drilling, quotata in borsa, abbia gia’ provveduto.

vedi
http://blogeko.libero.it/index.php/2006/biodiesel_alghe_coltivazioni_deserti

Quella che poteva essere una risorsa per l’umanita’ e per l’ambiente (l’anidride carbonica emessa e’ quella prelevata dalla pianta all’atmosfera) diventa’ un business piu’ ricco del petrolio.
L’alcol va bene come sostituto della benzina.
Al posto del gasolio, per i motori diesel, opportunamente preparati, si puo’ utilizzare l’olio vegetale, che si ottiene anche lui dalle alghe.
2000snlp
30/11/2008
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
PERICOLO: nuova speculazione edilizia
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Krokodil, la nuova droga che divora il corpo
» ...la mia nuova strada verso un sogno
» Creazione nuova religione
» nuova pubblicità della nutella
» Chi ha fatto isteroscopia alla NUOVA CLINICA VALLE CLAUDIA DI ROMA? CONSIGLIATE CON O SENZA BIOPSIA?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Vai verso: