Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Morti sul lavoro, neoliberismo, Unione Europea

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Morti sul lavoro, neoliberismo, Unione Europea   Mer Set 21 2016, 07:45

Morti sul lavoro, neoliberismo, Unione Europea

In questi ultimi giorni una scia di sangue. L'assassinio, a Piacenza, di Ahmed Abd Elsalam investito da un camion che, ai cancelli della GLS, forza i picchetti dei facchini della logistica aziendale che manifestavano contro lo sfruttamento intensivo del lavoro. Un fatto non inedito che anche qui, stando a testimonianze dei lavoratori, ha visto dei dirigenti istigare il camionista a forzare i picchetti. Questa forma di lotta (impedire l’ingresso al lavoro o l’uscita delle merci), declinata da alcuni anni nel nostro Paese, si sta riproponendo negli ultimi anni particolarmente in questo settore.
Oltre a questo lavoratore straniero, altre morti hanno insanguinato il nostro Paese: un lavoratore travolto da un nastro trasportatore all'Ilva di Taranto, un altro folgorato in un deposito Atac di Roma, un altro ancora schiacciato da una macchina operatrice in un agriturismo vicino Trieste.

Per ogni morto sul lavoro si ripropone, in particolare a livello massmediatico ed istituzionale, il solito copione di rito dell'indignazione. Valga per tutti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che tuona: "Ogni morte sul lavoro costituisce una ferita per l'Italia e una perdita irreparabile per l'intera società. Non è ammissibile che non vengano adeguatamente assicurate garanzie e cautele per lo svolgimento sicuro del lavoro".

Peccato che vent'anni di normative di deregolamentazione del lavoro e di precarizzazione e sfruttamento legalizzato (sino al Jobs Act del governo Renzi) abbiano messo i lavoratori in una condizione di piena sudditanza all'interesse sfrenato di impresa, con la complicità dei sindacati collaborazionisti e del ritiro dell'interventismo (anche sociale) dello Stato, degno di questo nome se rappresenta e tutela gli interessi nazionali e collettivi. Una sudditanza dei lavoratori imposta con una supposta modernità delle normative sul lavoro accentuata dalle direttive europee e dalle logiche neoliberiste in cui quelle sono inscritte.
Conquistare la piena sovranità e servirsene per riscrivere gli assetti di società, in vista (anche) di una dignità del lavoro senza “se” e senza “ma”!

Sovranità, indipendenza, liberazione!

Indipendenza
18 settembre 2016
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Morti sul lavoro, neoliberismo, Unione Europea
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» di sicuro inutile ma...
» cerco lavoro come onicotecnoca a Napoli
» Dove acquistare un tavolo da lavoro?
» tra poco esco dal lavoro
» i pinguini sono morti..

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: