Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Referendum costituzionale in Italia e minacce USA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Referendum costituzionale in Italia e minacce USA   Mar Set 13 2016, 19:02

Referendum costituzionale in Italia e minacce USA

Il referendum costituzionale ha una valenza ben più importante delle argomentazioni di renziani&affini sul risparmio dei (modestissimi) costi ed altre collaterali amenità. Confindustria, agenzie di rating, banche d'affari, FMI e Unione Europea sono compatti per ultimare l'opera di decostruzione delle strutture della repubblica parlamentare italiana. Subordinare il Parlamento al Governo, addomesticare la Corte Costituzionale e pilotare l'elezione del Presidente della Repubblica sono i tre assi strategici della riforma, uniti all'esplicito ingresso del diritto comunitario come elemento conformatore del nostro ordinamento giuridico. L'eliminazione dell'elezione diretta del Senato è il più vistoso e percepibile aspetto di restringimento degli spazi democratici; a tale aula di nominati sarà peraltro delegato il recepimento della normazione europea, il cui ingresso nel nostro ordinamento sarà veicolato da un organo non più elettivo.

Quanto sia importante la posta in gioco lo dimostra l'intervento di John Phillips, ambasciatore USA in Italia. Intervenendo oggi, a Roma, presso l'Istituto di Studi Americani, ad un incontro sulle relazioni transatlantiche, ha avvertito minacciosamente che, in caso di vittoria del “No”, vi saranno ripercussioni economiche sul Paese («un passo indietro per gli investimenti stranieri in Italia»). Washington esige che il Paese garantisca «stabilità politica» e Renzi gode di «grandissima stima da parte di Obama».
A fungere da spalla anche l'agenzia di rating USA, Fitch, secondo quanto riferisce Bloomberg, una multinazionale operativa nel settore dei mass media con sede a New York. Il responsabile “rating” sovrani per Europa e Medio Oriente di Fitch, Edward Parker, in conferenza a Londra, avverte: un “No” al referendum sarà uno shock negativo per l'economia e l'affidabilità del credito italiano. Le turbolenze che seguirebbero alla vittoria del “No” si ripercuoterebbero in ultima istanza sull'economia reale e sul debito pubblico. Ne deriverebbe inevitabilmente una valutazione negativa sull'affidabilità internazionale dell'Italia.

Insomma, tutte ottime ragioni per votare e far votare “NO”. Non limitandosi solo a questo. C'è un lotta di liberazione (nazionale) e di emancipazione (sociale) da far crescere. “Indipendenza” è attiva da tempo in tal senso.

Indipendenza
13 settembre 2016
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Referendum costituzionale in Italia e minacce USA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il referendum Costituzionale.
» L'ateo in Italia: libertá dall'impulso religioso o dogmatismo di senso inverso?
» www.italia.it
» * ITALIA: CENTRI CHE ACCETTANO COPPIE SIERODISCORDANTI - CENTRI CHE ACCETTANO PAZIENTI CON HIV ED EPATITE
» eterologa italia

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: