Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Federalismo europeo atlantico: dichiarazioni e atti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 999
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Federalismo europeo atlantico: dichiarazioni e atti   Lun Lug 04 2016, 12:47

Altiero Spinelli: una "guerra per consolidare il progetto europeo"

Dopo il referendum consultivo britannico che ha espresso una maggioranza di voti favorevole all'uscita dalla UE, si fa un gran parlare di rilancio dell'Unione Europea (UE), di recupero del "sogno europeo", di Spinelli e del Manifesto di Ventotene.
Uno degli argomenti degli unionisti europei -forse il principale- per giustificare il combinato da incubo UE-euro è quello della pace: l'unificazione europea ha portato settant'anni di pace sul continente.

Al netto delle guerre ignorate (Irlanda del Nord, Paesi Baschi, ecc.), si omette di considerare il ben più decisivo contesto di fase della cosiddetta Guerra Fredda. Non a caso, appena questa si è chiusa, è scoppiata la prima grande guerra per l'Unione Europea atlantica che ha sconquassato i Balcani per un decennio. Quella in Ucraina, con un'accentuazione ancora più atlantica, è la seconda. Questo ed altro di collegato, meritevoli di analisi più circostanziate, si connettono in 'linea di sviluppo' con quanto segue...

Scrive Spinelli, nel suo Diario, il 12 aprile 1953: "(...) Per quanto non si possa dire pubblicamente, il fatto è che l'Europa per nascere ha bisogno di una forte tensione russo-americana, e non della distensione, così come per consolidarsi essa avrà bisogno di una guerra contro l'Unione Sovietica, da saper fare al momento buono" [in A. Spinelli, Diario Europeo (1948-1969), il Mulino, 1989, p. 175].

Non si tratta di un'esternazione infelice, congiunturale, del momento. Del Manifesto di Ventotene (di cui Altiero Spinelli fu il principale estensore), del federalismo europeo (atlantico) e dell'azione che si è dispiegata dal dopoguerra, c'è pochissima se non nessuna conoscenza. Spessissimo emerge che neanche chi lo mitizza e lo evoca abbia mai letto il Manifesto di Ventotene.
E il progetto unionista europeo emerge ben diverso dal propagandato "sogno di pace" .
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 999
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Re: Federalismo europeo atlantico: dichiarazioni e atti   Lun Lug 04 2016, 14:29

Il federalismo europeo (atlantico) di Altiero Spinelli

Poco dopo la liberazione dal confino e aver dato alle stampe, nel gennaio 1944, la versione modificata del Manifesto di Ventotene (da allora la sola riconosciuta dallo stesso Spinelli), nello stesso anno si registra il suo primo aggancio diretto con ambienti statunitensi che contano.
Tramite una serie di intermediari, Altiero Spinelli riesce ad ottenere un incontro con Allen Dulles, allora capo dei servizi segreti statunitensi, che aveva il suo quartier generale in una villa isolata nella stretta valle dell'Aar, che taglia in due Berna (Svizzera).
Spinelli, in “Come ho tentato di diventare saggio”, il Mulino, p. 392, si sofferma su come questo fu reso possibile e sul merito. Chiese il sostegno USA alla causa del federalismo europeo, ma Dulles prese tempo dicendo che, prima, si doveva vincere la guerra. In realtà gli USA già si stavano muovendo sugli assetti post bellici dell'Europa.
L'incontro, a mio avviso, servì a Dulles per farsi un'impressione diretta di Spinelli e riferire.

Omettendo una serie di ulteriori passaggi, è significativo il primo viaggio (dal 22 maggio al 4 giugno 1955) che Spinelli effettuò negli Stati Uniti per stringere meglio i rapporti, ottenere una sorta di referenza in esclusiva per sé e per l'organizzazione federalista che guidava, in 'fraterna' concorrenza con altre figure ed organismi, ed ottenere sostegni anche finanziari.
Nel suo Diario, riferisce della moltitudine di contatti avuti nel corso delle due settimane negli States. Tra questi: “Assai più interessante è stato l'incontro con Richard Bissell –Central Intelligence Agency [C.I.A., ndr]. Ha mostrato subito un assai vivo interesse per i miei piani, ed ha promesso di intervenire presso Donovan* e presso la Ford Foundation**. Credo che quest'incontro è politicamente stato il più importante. (…). Ho visitato Donovan. Era presente anche Hovey, Executive Director dell'American Committee on United Europe (…) entrambi entusiasti del mio piano. Donovan si è impegnato formalmente a cercar fondi. Ha approvato la mia decisione di far in modo che sia io a dirigere l'operazione. Era completamente scettico sui governi e fiducioso nel tipo d'azione da me proposto (…). Praticamente ho ottenuto la garanzia dell'appoggio dell'USIA***, della Ford Foundation e dell'ACUE. Più di questo non potevo sperare” [in “Diario Europeo (1948-1969)”, il Mulino, 1989, p. 266-267].

Uno studio articolato sul Manifesto di Ventotene e sul federalismo europeo atlantico è in corso di pubblicazione sulla versione cartacea di "Indipendenza". La prima parte è uscita sul n. 39.


*William J. Donovan. Direttore dei servizi segreti USA, fu ambasciatore a Parigi. Divenuto presidente del Comitato americano per l'Europa unita (ACUE), favorì la costituzione del centro di ricerche per gli studi sul federalismo.

** Tra le massime Fondazioni americane, ha spesso sostenuto iniziative e istituti europei nella loro azione politica e culturale volta all'unificazione dell'Europa.

***United States Information Agency. Fu istituita il 1° agosto 1953 da Eisenhower con il compito di «influenzare le attitudini e le opinioni del pubblico estero in modo da favorire le politiche degli Stati Uniti d'America... e di descrivere l'America e gli obiettivi e le politiche americane ai popoli di altre nazioni in modo da generare comprensione, rispetto e, per quanto possibile, identificazione con le proprie legittime aspirazioni... e dimostrare e documentare di fronte al mondo i disegni di coloro che minacciano la nostra sicurezza e cercano di distruggere la libertà» [American Foreign Policy in the Nuclear Age di Cecil V. Crabb jr; Harper and Row, Publishers; New York, 1965; p. 345].
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Federalismo europeo atlantico: dichiarazioni e atti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Atti 5 - Anania non dona tutto agli apostoli e Dio lo fa morire
» Campus Europeo Brill Bird Esami
» Vorresti tutti i redditi pubblicati sui giornali locali?
» Buttiglione: "essere gay è sbagliato"
» Nel nome di Dio, atti e misfatti..

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Parliamo di Indi (riflessioni, suggerimenti e quant'altro)-
Andare verso: