Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 'La Buona Scuola' atlantica di Renzi...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: 'La Buona Scuola' atlantica di Renzi...   Dom Giu 21 2015, 18:10

"Ci sono opposizioni che hanno presentato oltre 3mila emendamenti al ddl scuola. Sel e M5s hanno detto che non li ritireranno e così metteranno a rischio le assunzioni di 100mila precari, che non potranno essere assunti per colpa loro". Stavolta a dirlo, dopo Renzi ed altri ascari coloniali, è il ministro Maria Elena Boschi a "L'Intervista" di Maria Latella.

Anche questo sciacallaggio sulla pelle di 100mila precari, quando basterebbe un provvedimento ad hoc al riguardo (sempre che la UE consenta certe voci di spesa...), qualifica il governo 'Renzie'. Dalla metà degli anni Novanta (riforma Berlinguer) ad oggi, sulla scuola, sul cuore decisivo e pulsante di ogni nazione moderna, in Italia come nel resto dei Paesi UE, sta passando un rullo compressore che mira ad annichilire o comunque ridurre ai minimi termini il suo ruolo formativo e critico per le giovani generazioni. Da un lato si evita di creare "inutili aspettative" ('si vada all'estero, negli States ad esempio'...), dall'altro le si rendono più controllabili e manipolabili. Nella versione italiana il governo contoterzista di turno, Renzi, l'ha chiamata, rovesciandone la valenza, "La Buona Scuola".

Non si tratta di una deriva solo italiana, ma di una direttrice atlantica che si configura in modo chiaro quantomeno dalla metà degli anni Novanta. La scuola, per la sua ragione costitutiva, diventa assolutamente funzionale al nuovo tipo di società transatlantica del dopo Guerra Fredda. Nel settembre 1995, al Fairmont Hotel di San Francisco, sotto l'egida della Fondazione Gorbaciov, una tre giorni di dibattito tra figure del calibro di Bush senior, Margaret Thatcher, G. Schultz, T. Turner, G. Rifkin, D. Packard, John Gage, Zbigniew Brzezinski, ecc., prefigurò la società 20:80. Solo il 20% dei cittadini del mondo sarebbe stato necessario per mandarlo avanti, con il rimanente 80% da considerare "massa eccedente". Se negli anni Ottanta si era prefigurata la società in cui 1/3 dei cittadini del mondo avrebbe avuto accesso al benessere, negli anni Novanta si prefigura una società 1/5 con molta massa eccedente. Al riguardo si prospettavano riforme ancor più selvagge (rispetto all'avvio della svolta neoliberista alla fine degli anni Settanta in Gran Bretagna e USA) in tutti i Paesi del continente europeo. Negli anni ad oggi sono diventate via via realtà, per il tramite dell'Unione Europea e dei suoi Trattati, con tempi e differente grado di penetrazione. Anche la scuola/università e la necessità di avviare riforme radicali funzionali a quel tipo di progetto in tutti i Paesi dell'Unione Europea rientrarono in quella tre giorni. Poi, nello specifico, si partì poi con la Francia e con l'Italia...

Le scuole saranno più efficienti se saranno sottoposte alle leggi del mercato capitalistico e, come tutte le aziende, entreranno in concorrenza le une con le altre per attirare i loro clienti: gli studenti. A questo scopo serve un sistema statale di buoni scuola emessi all’ordine dei genitori di un figlio in età scolare, buoni che potranno essere spesi in una scuola a scelta delle famiglie degli studenti, anche private e/o confessionali” (Milton Friedman, nobel per l'Economia 1976, in "The Role of Government in Education", 1955; Milton and Rose D. Friedman Foundation for Educational Choice ). In Italia è l' "autonomia"...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Re: 'La Buona Scuola' atlantica di Renzi...   Gio Lug 02 2015, 00:09

Sostenere le spese della e per la scuola in cambio della spesa. Non basta più la prassi dei contributi sedicenti volontari per l'iscrizione nella scuola pubblica o per la frequentazione di corsi aggiuntivi (ad esempio linguistici), che sono un prelievo coatto sui redditi delle famiglie. Nelle crepe non casuali e non accidentali del sistema scolastico italiano, da alcuni anni è in espansione il costume di supermercati, luoghi della ristorazione, compagnie petrolifere, eccetera, che "offrono" alle famiglie la possibilità di “regalare” a sé e alla scuola frequentata dai propri figli strumenti didattici o tecnologici. Ad ogni tot di spesa, un punto. Nell'opuscolo di un luogo di ristorazione si può leggere proprio questo, con illustrato l'iter della raccolta punti per la scuola selezionata dal cliente sul relativo sito internet dell'azienda/impresa, in una competizione che vedrà premiata quella più votata di ogni regione. In questo opuscolo si legge anche del premio di consolazione: tutte le scuole che raggiungeranno una soglia inferiore prefissata di tot punti concorreranno all'estrazione di uno dei "kit" multimediali per la didattica, uno per ogni regione d'Italia. Insomma, una scuola da 'buoni spesa' con spirito da Caritas...

Si tratta di passaggi odiosi ed umilianti nel quadro della dimensione privatistica e mercatistica programmata di quel che resta della scuola pubblica nazionale italiana, uno sfascio avviato in modo deciso e surrettizio a partire dalla riforma Berlinguer del 1996 (la cosiddetta "autonomia scolastica"). Da quel momento in poi ha fatto seguito una filiera di riforme (o controriforme), filiazione delle politiche d'indirizzo veicolate dall'Unione Europea sul modello del sistema scolastico statunitense. Superfluo dire che la liberazione di questo Paese passa anche per le sue scuole. "Indipendenza" intende alzare il proprio contributo di resistenza a questo sfascio, a partire dai territori. Rendere ogni scuola un luogo consapevole di resistenza per una grande lotta di liberazione da costruire. Anche per questo, per capire e per organizzarsi, l'associazione Indipendenza invita a partecipare alla sua 1^ assemblea nazionale, a Roma, domenica 6 settembre (qui l'evento: https://www.facebook.com/events/899270580134935/ )

[cfr. anche http://indipendenza.lightbb.com/t1359-la-buona-scuola-atlantica-di-renzi]
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
'La Buona Scuola' atlantica di Renzi...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Dove acquistare una buona fresa e lampada uv (no nded)!!
» Buona domenica:cosa cucinate oggi?
» sperando sia la volta buona.....
» Religione nella scuola materna
» lettera scuola materna

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica italiana-
Andare verso: