Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Grecia/ I nuovi diktat della “troika” euroatlantica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1011
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Grecia/ I nuovi diktat della “troika” euroatlantica   Mar Set 30 2014, 00:13

Ultimissime dalla Grecia, “il più grande successo dell’euro” (Mario Monti dixit nel 2011). È sbarcata oggi ad Atene, tra mobilitazioni ed occupazioni degli ingressi di diversi edifici ministeriali, la missione della “troika” euroatlantica UE-BCE-FMI per verificare andamento e risultati delle riforme strutturali vincolanti per la sesta tranche del prestito da 110 miliardi di euro erogato.
Le trattative con il governo greco erano state interrotte un mese fa perché, come dichiarato a suo tempo dal Commissario europeo per gli Affari Economici, Olli Rehn, il governo non aveva rispettato il programma deciso con la "troika". Questo consta di tre parti: la prima prevede licenziamenti nel settore pubblico, sospensione provvisoria dal lavoro e liquidazione di enti pubblici che la “troika” giudica inutili; la seconda colpisce gli enti di assistenza sociale e le pensioni; la terza riguarda gli introiti dello Stato (un fondo collegato alla “troika” che gestisca la vendita di beni pubblici).

Per adempiere alle direttive euroatlantiche il governo ha varato un piano di riduzione degli stipendi al 60% per un anno per 30mila impiegati, con relativa messa in mobilità, ed un nutrito pacchetto di liberalizzazioni e privatizzazioni. Ad esempio, nel nuovo disegno di legge, in discussione da oggi in parlamento, del ministro della Sanità, Makis Voridis, è prevista la creazione di una società per azioni (Esan) che gestirà i fondi degli ospedali pubblici già in forte sofferenza per i tagli decisi dall'esecutivo su prescrizione della “troika”. Anche i medici e il personale paramedico degli ospedali pubblici greci sono scesi in piazza per contestarla.

Ci si avvia, insomma, verso la sospensione delle attività di molti ospedali pubblici e la privatizzazione di una serie di servizi sanitari sinora pubblici con un accrescimento dei profitti per gruppi soprattutto stranieri, un’ulteriore ondata di licenziamenti e un’impennata dei costi per i cittadini con ripercussioni ancora più drammatiche per i malati, a partire da quelli con patologie gravi. Già adesso, infatti, un numero crescente di cittadini si vede interdetto l’accesso alle cure mediche o per l’impossibilità di sostenere il costo dei servizi o per l’assenza di attrezzature messe in vendita e di specialisti licenziati o per la chiusura di ospedali ed ambulatori pubblici. La legge, se dovesse passare come pare sia destinato ad accadere, concederà ancora un minimo di servizio pubblico a breve, in vista però del ritiro totale dello Stato dal finanziamento del Sistema Sanitario Nazionale.

Intanto, da un rapporto dell’Ufficio bilancio del Parlamento greco (“Politiche sul reddito minimo nell’Unione Europea e in Grecia: uno studio comparativo”, http://www.keeptalkinggreece.com/2014/09/26/shocking-6-3million-greeks-live-in-poverty-or-are-at-risk-of-poverty/), significativo un dato: su una popolazione di 10 milioni di persone, 2,5 vivono al di sotto della soglia di povertà e altri 3,8 milioni di cittadini sono a rischio povertà.

È “il più grande successo dell’euro”! È l’Unione Europea!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Grecia/ I nuovi diktat della “troika” euroatlantica
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» nuovi diritti della paternità e dell'infanzia
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» Armonia della Perfezione

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica internazionale-
Andare verso: