Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Quirico e Piccinin: non di Assad le armi chimiche su Damasco

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1020
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Quirico e Piccinin: non di Assad le armi chimiche su Damasco   Lun Set 09 2013, 15:51

Informate Obama e Kerry! O lo sapevano già, mentendo e sapendo di mentire?
L'ultima smentita alle accuse dell'amministrazione statunitense, guidata dal Premio Nobel per la Pace, Barack Obama, e dal codazzo servile di massmedia ed esecutivi degli alleati/subalterni, viene dalle dichiarazioni proprio di Quirico e Piccinin, liberati dopo 5 mesi dai "ribelli", i loro sequestratori.

La notizia riguarda l'uso di armi chimiche, il 21 agosto, in una zona periferica di Damasco, atto subito attribuito dalla Casa Bianca, senza alcuna verifica o riscontro, ad un ordine venuto direttamente da Assad. Un pretesto per la montatura dell'aggressione diretta alla Siria che Washington sta preparando, visto che sul terreno i propri referenti, i "ribelli", sono in rotta e senza consenso significativo tra la popolazione. «È un dovere morale dirlo. Non è il governo di Bashar al-Assad ad avere utilizzato il gas sarin o un altro gas nella periferia di Damasco». Sono le parole di Pierre Piccinin alla radio RTL-TVi, che sostiene di averlo saputo, insieme a Domenico Quirico, da conversazione tra ribelli. Lo studioso belga era stato infatti rapito insieme all'inviato de La Stampa oggi liberato. Piccinin aggiunge: «mi costa perché, da maggio 2012, sostengo con decisione l'esercito libero siriano nella sua giusta lotta per la democrazia». «Per il momento», però, «per una questione di etica, Domenico ed io siamo determinati a non fare uscire (i dettagli di) questa informazione», ha affermato Piccinin facendo riferimento all'interrogatorio di Quirico in programma oggi in Procura, a Roma, e al suo quotidiano. «Quando la 'Stampa' riterrà che è venuto il momento di dare dettagli su questa informazione, lo farò anch'io in Belgio», ha spiegato l'insegnante belga. Piccinin racconta quindi che, quando lo scorso 30 agosto lui e il giornalista de 'La Stampa' hanno sentito dell'intenzione degli USA di agire in seguito all'uso, attribuito al regime, delle armi chimiche, «avevamo la testa in fiamme», perché «eravamo prigionieri laggiù, bloccati con questa informazione e per noi era impossibile darla».

Quirico, dal canto suo, ha dichiarato, appena atterrato in Italia: «Ho cercato di raccontare la rivoluzione siriana, ma può essere che questa mi abbia tradito. Non è più la rivoluzione laica di Aleppo, è diventata un'altra cosa, molto pericolosa». «Sono stato trattato non bene, ho avuto paura [per due volte i suoi carcerieri hanno simulato due false esecuzioni con una pistola. Piccinin parla di «violenze fisiche molto dure», ndr].

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Quirico e Piccinin: non di Assad le armi chimiche su Damasco
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Sala D'Armi del Castello
» Regolamenti della Repubblica Fiorentina
» Sparare per sport....piace a qualcuno?
» "Gli americani a Falluja hanno usato armi vietate e sconosciute
» help kit? prime armi!!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Politica internazionale-
Andare verso: