Rivistaindipendenza.org

Il forum della rivista
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  Accedi  

Condividere | 
 

 Verso (e non solo) la manifestazione del 27 ottobre

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
alekos18

avatar

Numero di messaggi : 1019
Data d'iscrizione : 04.04.07

MessaggioTitolo: Verso (e non solo) la manifestazione del 27 ottobre   Dom Ott 14 2012, 01:11

«Ulteriori trasferimenti di poteri decisionali e di quote di sovranità». Il partito euroatlantico, regione Italyland, capitanato dall'asse Napolitano-Monti getta la maschera, platealmente come mai prima d'ora. Lo fa per bocca del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, in un videomessaggio realizzato per il Convegno a Napoli della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro ("Competere per Crescere - Le sfide dell'Europa - Le opportunità per l'Italia"), dichiara in sostanza che l'Italia deve rinunciare a quel che resta della propria sovranità nazionale.
Parole che seguono l'auspicio che l'Europa, «partendo dal dato irrinunciabile della moneta comune, continui ad andare avanti, con determinazione e realismo, sulla strada dell'approfondimento dell'unione economica e monetaria sia nel campo della finanza e delle banche, sia in quello delle politiche economiche e di bilancio».

Qualcosa che può apparire sbalorditivo perché detto dalla massima carica dello Stato che, sulla carta, dovrebbe essere garante di una Costituzione che si è iniziato a stracciare da molto tempo. Non è comunque sorprendente ai nostri occhi. Si tratta di un processo di dominio che ha regie estere, viene da lontano, ha costruito via via forti intrecci d'interesse con i sub/dominanti italofoni e la cui evidenza portò alla nascita di "Indipendenza" nel 1986. Quel che 'a sinistra' sostenevamo pressoché in solitudine, oggi sta emergendo in modo sempre più sfacciato ed inequivocabile, oltre che devastante per le condizioni ed un futuro dignitoso di vita di larghi strati della società italiana. Questi ultimi anni stanno solo imprimendo un'accelerazione di significativa, crescente intensità. In tal senso invitiamo a leggere questo scritto uscito su Indipendenza (versione cartacea n. 28) dal titolo "LA GRECIA E NOI: DALLA SPECULAZIONE FINANZIARIA AL PROTETTORATO ATLANTICO – i “come” e i “perché” di una crisi indotta" ( http://www.rivistaindipendenza.org/Teoria%20nazionalitaria/Grecia.htm ). Tanto altro, comunque, andrebbe richiamato alla memoria e rilevato in questo presente storico.

Tutto questo farà esplodere le contraddizioni insite nel meccanismo di dominio euroatlantico. Sarebbe importante che certe istanze, certe rivendicazioni, comincino a farsi sentire in modo forte e diffuso nelle iniziative, nelle piazze, già ad esempio alla manifestazione del 27 ottobre contro i funzionari euroatlantici al governo di questa Italia commissariata. Che parole come indipendenza, sovranità, liberazione siano presenti negli striscioni e scandite negli slogan. Che la bandiera nazionale sventoli in gran numero e che torni ad essere elemento coagulante di una Nuova Resistenza e di un'effettiva Liberazione da conquistare.
Parliamone pubblicamente e anche in privato (info@rivistaindipendenza.org). Non è retorico dire che non abbiamo davvero tempo da perdere.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Verso (e non solo) la manifestazione del 27 ottobre
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Rivistaindipendenza.org :: Bacheca (iniziative e comunicati interni)-
Andare verso: